Bimba rapita e portata in Siria, si cercano indizi anche a Concorezzo

emmarossini.jpgEmma Rossini, 21 mesi, da prima di Natale non sorride più tra le braccia della madre, Alice Rossini, 31 anni, residente a Velasca. Il padre, Kharat Mohammed, 25 anni, regolarmente assunto come marmista a Trezzo, l'ha rapita e portata in Siria, la sua terra d'origine. Alla base del folle gesto la separazione dei due coniugi e quella che la madre giudicata una vendetta dell'ex, che avrebbe voluto crescere la piccola secondo i dettami dell'Islam.

Sabato sera si terrà a Velasca una fiaccolata di solidarietà, mentre proseguono a livello nazionale e internazionale le indagini. Il giovane siriano era partito per la Siria con una giovane di Cornate, ma questa ha riferito ai carabinieri di averlo seguito nella convinzione di andare a fare una piccola vacanza in Grecia: atterrati ad Atene, Kharat ha messo in mano alla ragazza, forse usata come copertura (i carabinieri tendono ad escludere sue complicità nel rapimento), un biglietto di ritorno e da quel momento non ha più risposto a telefonate ed appelli.

Silenzio tombale anche a Concorezzo, dove abitano diversi famigliari del siriano: zii e cugini del siriano, contattati direttamente dalla madre della piccola Emma, hanno detto di non sapere nulla.

La Procura di Monza indaga senza sosta

 

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI