Luca Valerio Camerano chiude il primo trimestre del 2017 a +14%

castello_brescia.jpgBoom di utili per l'A2A di Luca Valerio Camerano: il primo trimestre si è chiuso a 180 milioni €, in netto miglioramento rispetto allo stesso periodo del 2016.

Prosegue dunque la scalata di questa società di energia elettrica multi-utility che, negli ultimi 3 anni, ha fatto enormi passi in avanti, sollevandosi da una situazione di crisi grazie alla gestione innovativa ed oculata dell’amministratore delegato Camerano. Il quale, fra le altre cose, non si è limitato a ridurre l’indebitamento della società, ma ha anche portato ad un deciso aumento degli utili e dei dividendi: non stupisce, dunque, la rielezione di Luca Valerio Camerano come amministratore delegato di A2A.

Primo trimestre 2017: +14% per A2A

I dati portati in dote dalla chiusura del primo trimestre del 2017 sorridono ad A2A: parliamo, infatti, di un +14% degli utili rispetto al medesimo periodo dell’anno passato (primo trimestre 2016). Entrando nel dettaglio dei dati relativi alla chiusura del bilancio, scopriamo che l’utile complessivo generato a fine primo trimestre è addirittura pari a 180 milioni di euro, con margini operativi lordi che raggiungono una cifra superiore ai 400 milioni di euro, in questo caso con un aumento pari al +28,3%. La suddetta scalata, promossa dai piani strategici dell’AD Luca Valerio Camerano, è stata frutto di un intervento deciso nell’ottimizzazione delle unità aziendali, che non solo ha portato ad un risparmio di oltre 80 milioni di euro rispetto ai tre anni precedenti, ma che ha anche permesso ad A2A di imporsi in settori molto difficili come quello elettrico: in questo caso, infatti, la percentuale di crescita del margine operativo è schizzata al 58%.

Parla Luca Valerio Camerano: i tre elementi di successo

La competitività maggiore nel settore dell’elettricità rappresenta, secondo l’AD Luca Camerano, il primo dei tre elementi che hanno sancito il successo di A2A: a seguire, troviamo l’ottimizzazione delle business unit aziendali e dunque il miglioramento delle prestazioni, ed il controllo con il 51% delle quote di Linea Group Holding (LGH). Questa crescita verticale può considerarsi motivo di grande soddisfazione per Luca Valerio Camerano che tempo rilasciò una dichiarazione nella quale sottolineava l’importanza strategica del ruolo del gas all’interno della pianificazione energetica europea. A distanza di qualche anno abbiamo visto come la sua impronta sia stata decisiva nel implementazione di alcune misure chiave che hanno portato al grande risultato di questi ultimi anni.

A2A: i progetti innovativi già portati a termine

 

Il successo di A2A è stato ovviamente legato a una serie di vittorie ottenute in Italia per merito di svariati progetti innovativi, che hanno raccolto il benestare delle istituzioni e ovviamente il gradimento dei cittadini, da sempre al centro delle strategie della società multi-utility e di Luca Valerio Camerano. Nello specifico, parliamo di due progetti di alta risonanza come l’illuminazione del Castello di Brescia e del Progetto Smart City già operativo a Milano e previsto anche per Padova. Nel primo caso A2A ha reso possibile l’illuminazione del Castello grazie ad una serie di lampade LED a risparmio energetico (450 in totale), e presto verrà fatto lo stesso a Piazza Vittoria. Infine, il progetto Smart City, il quale ha previsto la costruzione di servizi ottimizzati dalla connessione all’IoT (come la fornitura di energia e l’illuminazione cittadina).

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI