July 25, 2024
#Sport

Il Monza si fa raggiungere dall’Udinese

colombocolpani.jpg

colombocolpani.jpg

MONZA-UDINESE 1-1

 
È un mezzo passo falso quello del Monza di oggi all’U-Power Stadium: contro l’Udinese terzultima in classifica è arrivato solo un pareggio e la sensazione diffusa è che si sia trattata di un’occasione persa per mettere fieno in cascina in previsione dei 5 difficilissimi match che attendono la compagine brianzola alla fine dell’anno solare. La squadra guidata da Raffaele Palladino, che è la più italiana della Serie A, ha affrontato la più straniera del campionato, che aveva sostituito in settimana l’allenatore Andrea Sottil col suo predecessore Gabriele Cioffi, sfoderando il fioretto invece della spada, cercando con troppa insistenza di infilarsi tra le maglie della difesa ospite con azioni manovrate anche quando con un pallone ben lanciato sulle fasce si sarebbe fatto più male agli avversari, come avvenuto in occasione del gol. A volte andrebbe perseguita la concretezza a scapito del bel gioco, ma con Palladino è difficile sperare in soluzioni diverse dalla sua solita, e solitamente proficua, filosofia di gioco.
 
Davanti ai 10311 spettatori dell’U-Power Stadium, di cui circa 800 di fede bianconera, Palladino, che non ha potuto disporre degli squalificati Gomez e D’Ambrosio e degli infortunati Caprari e Izzo, ha proposto, rispetto al match perso contro la Roma, Andrea Carboni in difesa a sinistra al posto di Caldirola che a sua volta ha giocato a destra al posto appunto di D’Ambrosio, Ciurria a centrocampo a destra per Birindelli e Vignato in attacco a sinistra al posto di Machìn. L’Udinese era priva degli infortunati Ehizibue, Brenner, Deulofeu, Ebosse e Kristensen.
 
Dopo un’iniziale fase di studio la partita si accende al 13’ quando Vignato aggancia un lancio dalle retrovie e dopo una serie di finte calcia di destro ma troppo centralmente per impensierire Silvestri. Purtroppo il Monza continua a giocare in modo troppo compassato, non approfittando delle evidenti difficoltà tecniche e tattiche della compagine friulana. In questo modo gli attaccanti biancorossi faticano a trovare spazi in una difesa bianconera quasi sempre schierata. Al 23’ ci prova l’Udinese a passare in vantaggio: un calcio di punizione di Samardzic per la testa di Bijol viene mandato di poco sopra la traversa. Ci riesce allora la formazione brianzola 4’ dopo: Andrea Carboni lancia sulla fascia sinistra Kyriakopoulos che va sul fondo e crossa per Colpani: il trequartista in odore di Nazionale non manca il bersaglio colpendo di piatto al volo. Il Monza non tiene alto il ritmo, non velocizza le azioni e così pur tenendo il pallino del gioco non arriva a creare pericoli. Al 43’ una conclusione debole di Ciurria è bloccata agevolmente da Silvestri.
 
Il secondo tempo si apre con un’Udinese più convinta e al 6’ Di Gregorio salva su Zemura. Al 12’ Success s’invola in contropiede ma al momento di concludere perde la palla. Palladino prova a correre ai ripari inserendo Mota e Bondo per Vignato e Pablo Marì, arretrando a sorpresa Gagliardini in mezzo alla difesa. Le tre mosse non bastano a evitare la rete del pareggio, segnata al 22’ da Lucca in mischia. Al 34’ entrano pure Maric e Birindelli per Colombo e Colpani, col conseguente avanzamento di Ciurria sulla tre quarti. Proprio il “fante” al 38’ costringe Silvestri a un salvataggio in tuffo con un bel tiro a giro. Nonostante l’ingresso di Valentin Carboni proprio per Ciurria il Monza non riesce praticamente più a tirare in porta. Finisce 1-1 e il pubblico brianzolo se ne va via sconsolato vedendo rimandato un ritorno al successo casalingo contro i friulani, che non si registra dalla Serie B 1978-1979.
 
In sala stampa Cioffi si è dichiarato “soddisfatto perché ho visto quello che piace a me. Nel secondo tempo forse meritavamo anche qualcosa di più del pareggio. L’atteggiamento è stato quello della squadra che prima non ha voluto perdere e poi ha provato a vincere”.
 
Anche Palladino, bontà sua, si è dichiarato soddisfatto: “Quello di oggi è un buon punto perché muoviamo la classifica e perché è il frutto di una buona prestazione contro una squadra molto fisica. C’è rammarico per aver preso gol su rimessa laterale. Però poi ci abbiamo provato fino alla fine a vincere, quindi non ho da rimproverare mancanza di impegno alla squadra. Kyriakopoulos sta crescendo, ma gli manca qualche gol. Colpani sta facendo benissimo, ma deve continuare a crescere. Ciurria ha disputato la miglior partita della stagione e l’ho visto molto motivato: sono convinto che il suo campionato sia iniziato oggi. Come si sono comportati i subentrati? Bondo è entrato molto bene, Birindelli ha fatto il suo, Valentin Carboni ha giocato alla grande, Maric si è impegnato, mentre Mota invece deve fare di più. Perché ho arretrato Gagliardini in mezzo alla difesa anziché inserire un difensore centrale dalla panchina? Cittadini e Bettella non erano al 100% e Donati è troppo basso di statura per confrontarsi con Lucca”.
 
Il Monza tornerà in campo domenica prossima alle ore 12.30 allo Stadio Marcantonio Bentegodi contro l’Hellas Verona che non ha mai vinto nelle ultime 8 giornate.
 
 
FOTO AC MONZA