July 25, 2024
#Sport

Palladino carica il Monza per il derby con la Cremonese

palladinomonzello.jpg

palladinomonzello.jpg

Solo 2 mesi e 4 giorni dopo la partita di andata il Monza ritroverà domani la Cremonese all’U-Power Stadium. Doveva essere uno scontro diretto per la salvezza, ma questo derby regionale tra due neopromosse vedrà di fronte due squadre con stati d’animo ben diversi: da una parte i biancorossi si trovano a metà classifica con lo sguardo rivolto verso la qualificazione alle coppe europee, dall’altro i grigiorossi chiudono la graduatoria a braccetto con la Sampdoria con ormai un piede e mezzo in Serie B, anche se la stagione potrebbe avere un particolare sapore dolceamaro se arrivasse un clamoroso successo in Coppa Italia, essendo la “Cremo” una delle 4 compagini qualificatesi alle semifinali. Il cambio sulla panchina delle “tigri” tra Massimiliano Alvini e Davide Ballardini, avvenuto proprio dopo la sconfitta per 3-2 contro il Monza, ha portato qualche beneficio, ma non abbastanza per tirarsi fuori dai guai. Domani in Brianza potrebbe essere davvero l’ultima occasione per la Cremonese per continuare a sperare in una miracolosa salvezza, anche per via della contemporanea sfida tra la Sampdoria e l’Hellas Verona terzultimo. Sarà certamente una partita da non prendere sottogamba, come anche l’allenatore del Monza, Raffaele Palladino, ha sottolineato in conferenza stampa: “Domani dovremo entrare in campo come se fosse una finalissima. Abbiamo fatto un bellissimo percorso dopo la lunga pausa causata dal Campionato del mondo: in 11 gare abbiamo perso solo col Milan in casa e la Salernitana in trasferta. Domani vogliamo dunque chiudere bene prima della breve sosta dovuta alle 2 partite della Nazionale. Sarà una partita da non sottovalutare. Dovremo essere bravi ad avere la giusta mentalità, fame, aggressività. In 2 mesi cambiano tante cose: nel caso della Cremonese sono cambiati l’allenatore e il sistema di gioco, però noi siamo migliorati. A Cremona disputammo uno dei migliori primi tempi della stagione, mentre nella ripresa ci abbassammo troppo. Col cambio di allenatore la Cremonese ha trovato compattezza, ha fatto ottimi risultati soprattutto in Coppa Italia. È una squadra ancora viva, che lotta, combatte. Noi abbiamo recuperato Mota al 100%. Rovella e Marlon stanno invece ancora lavorando a parte: sicuramente Marlon sarà recuperato per Monza-Lazio e anche Rovella ha buone possibilità. Il resto della squadra sta bene. Ho uno staff molto giovane ma molto preparato. Col mio secondo Stefano Citterio ho iniziato dall’Under 15, quindi ci conosciamo da 3 anni. Poi si sono aggiunti gli altri. Li ringrazio tutti perché sono i primi ad arrivare al Centro Sportivo Monzello e gli ultimi ad andare via. La squadra è ben allenata ed è merito dello staff di preparatori che spingono ogni giorno gli atleti a dare il massimo. E i ragazzi sono eccezionali nel seguirli. Il caldo primaverile? Siamo pronti a tutto. Se ci sarà caldo sarà caldo per tutti. L’approccio diverso alle gare? Ci sono partite in cui andiamo più alti a pressare e altre in cui lo facciamo più bassi. La strategia la decidiamo in settimana a seconda degli avversari. L’importante è la mentalità con cui si approcciano le partite. I 2 gol annullati in stagione per fuorigioco millimetrici di Petagna? Eh, non è andata bene. Se la regola ora è quella ci dobbiamo attenere a quella regola. Con altri allenatori sto discutendo di proporre un cambio della regola: riteniamo che si debba allargare anche di molto l’ampiezza della linea di misurazione del fuorigioco semiautomatico, magari portandola a 11 centimetri come quelle segnate sul campo col gesso. Anche tornare alla presenza o mancanza di luce tra attaccante e difendente potrebbe essere una soluzione. Il rinnovo del mio contratto? Dopo la partita di domani ci sarà tempo e modo di parlarne. Monza è una bellissima realtà. Siamo partiti a fari spenti, anche un po’ sottovalutati. Siamo una realtà che sta crescendo e che vuole consolidarsi. Le squadre di provincia fanno bene al calcio perché creano il senso di appartenenza a un territorio. A Monza, per esempio, vedo sempre più tifosi allo stadio e sempre più giovani che si innamorano del Monza. La Brianza è un posto meraviglioso dove si sta benissimo: non la conoscevo prima di venire a Monza, ma mi sono innamorato. Se Roberto Mancini convocherà qualche giocatore del Monza in Nazionale? Non ho avuto modo di parlare con lui, ma mi auguro che per coronare il nostro bel periodo qualche nostro giocatore venga convocato”.