Asfalti Brianza, novità sui fumi al Malcantone

asfalti_concorezzo.jpegConcorezzo. I "fumi" del Malcantone tornano al centro del confronto politico e amministrativo. Mercoledì, in Municipio, si è svolto il tavolo di confronto su Asfalti Brianza, l'azienda al centro delle polemiche sollevate da centinaia di cittadini che vivono al confine tra Concorezzo,Monza e Brugherio (le lamentele da Monza arrivano anche dal quartiere Libertà). Il problema è noto: durante la preparazione del materiale utilizzato per aslfatare le strade, i residenti della zona percepiscono odori e soprattutto accuserebbero bruciori agli occhi e alla gola.

In Municipio erano presenti Comune di Concorezzo e Monza, Provincia di Monza, funzionari di Arpa, Ats (ex Asl), comitati cittadini di Monza e Concorezzo, oltre ovviamente ai rappresentanti di Asfalti Brianza.

Se l'azienda, dal canto suo, ha portato dati che dimostrebbero la regolarità delle emissioni entro i limiti previsti dall'autorizzazione a operare, dall'altra parte i cittadini continuano a lamentare forti disagi e chiedono nuove analisi rispetto a quelle prodotte dal privato. Non solo. Il Comitato concorezzese presenterà due vie d'uscita: un progetto per un ulteriore abbattimento delle emissioni o una proposta di diversa collocazione urbanistica dell'attività. Asfalti Brianza si è detta disponibile a valutare le proposte. 

UN ANNO FA LA RELAZIONE DELL'ARPA

A luglio 2017 era arrivata in Comune un'attesa relazione dagli esperti di Regione Lombardia. Arpa nella sua relazione evidenziava che durante il sopralluogo non erano state accertate "emissioni odorigene". Alla luce del fatto chesarebbe stata rivista una autorizzazione, si invitava il Comune a "richiedere alla ditta la realizzazione di indagini ambientali quali-quantitative volte a determinare l'efficacia delle azioni intraprese nonché a sviluppare una valutazione della dispersione e della ricaduta al suolo delle sostanze monitorate". Il Comune aveva quindi richiesto alla ditta un registro più dettagliato delle lavorazioni, la pulizia di una cisterna, la sostituzione di alcuni componenti che causerebbero la fuoriuscita di materiali, la chiusura dei secchi con il bitume raccolto da eventuali perdite, l'eventuale trasporto dei materiali con camoion protetti per evitare la dispersione in aria di emissioni.

Arpa premetteva nella sua relazione che "la valutazione del disturbo olfattivo e la sua regolamentazione rappresentano aspetti caratterizzati da elevata complessità, dal momento che l'inquinamento olfattivo è strettamente associato alla percezione umana". L'agenzia regionale, allo stesso tempo, aveva chiesto ai responsabili dell'azienda di tenere un registro più dettagliato delle differenti lavorazioni, in modo da poter comparare segnalazioni dei cittadini con il tipo di attività in corso. A parte alcune note sui processi lavorativi, la relazione trasmessa da Arpa al Comune era sostanzialmente una fotografia di quanto avviene all'interno anche se, come aveva rilevato l'Amministrazione, durante il sopralluogo l'attività era ridotta a circa il 30% del potenziale, quindi ben al di sotto degli standard abituali.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI