Ex Frette, il sopralluogo della vergogna: furti, vandalismi, giacigli abusivi

exfrette_sopralluogoConcorezzo. Atti vandalici, saccheggi barbarici, giacigli improvvisati. E' una fotografia desolante quella della ex Frette, visitata sabato mattina dai rappresentanti della proprietà e da una folta delegazione dell'Amministrazione comunale. Il vicesindaco Micaela Zaninelli, gli assessori Fabio Ghezzi (Urbanistica) e Innocente Pomari (Lavori pubblici), il presidente del Consiglio Comunale, Mauro Capitanio, e la quasi totalitàdei consiglieri hanno ispezionato l'area dell'ex stabilimento tessile dove sorgeranno negozi, uffici e abitazioni. Secondo il cronoprogramma, le prime realtà a prendere forma saranno i negozi (McDrive, Aldì discount e altre tre tipologie), successivamente le case.

Qui i dettagli dell'intervento urbanistico

Il sopralluogo di sabato, però, ha prima di tutto confermato la necessità di riqualificare l'area, da tempo in balia di senza tetto, ladri e balordi. All'interno la delegazione comunale ha potuto rendersi conto dello stato di degrado: pluviale e cavi in ramo letteralmente depredati, vetri spaccati, caldaie e server devastati, armadi saccheggiati e, come si sospettava da tempo, uffici e locali trasformati in giacigli di fortuna, con condizioni igieniche che evitiamo di mettere nero su bianco. I ladri hanno rubato di tutto: persino le piastrelle dei pavimenti, i tombini in ghisa, i pochi elementi d'arredo rimasti. La proprietà ha spiegato le difficoltà nel tenere sorvegliata, al momento, l'intera area che si sviluppa oggi su 92.300 metri cubi e che dovrebbe occupare in futuro circa 43.255 metri cubi (rispetto ai 57.000 edificabili da Pgt). Da parte dell'Amministrazione comunale l'obiettivo primario resta quello della riqualificazione e messa in sicurezza del comparto.

Leggi anche

Anziana investita in via De Giorgi

Carosello, incendio all'alba

Marcello Ronchi tra palco e realtà: a suon di tromba fino a Parigi

Pietra, legno, tessuti, ricordi: un regalo di Natale per emozionare

IMG-20161210-WA0004.jpg

IMG-20161210-WA0005.jpg

IMG-20161210-WA0008.jpg

IMG-20161210-WA0009.jpg

IMG-20161210-WA0012.jpg

IMG-20161210-WA0014.jpg

IMG-20161210-WA0015.jpg

IMG-20161210-WA0016.jpg

IMG-20161210-WA0017.jpg

IMG-20161210-WA0019.jpg

IMG-20161210-WA0021.jpg

IMG-20161210-WA0024.jpg

IMG-20161210-WA0025.jpg

IMG-20161210-WA0027.jpg

IMG-20161210-WA0030.jpg

IMG-20161210-WA0031.jpg

IMG-20161210-WA0032.jpg

Commenti   
0 #2 Max B 2016-12-13 19:25
Beh, se chi ha effettuato il sopralluogo ed il cronista pensavano di trovare il sito addobbato a festa...
Mi fa ancora male pensare come era bello e carico di storia, intrinsecamente legata al paese, lo stabilimento Frette, aperto alle visite ancora pochi anni fa in occasione di "Ville aperte"...
Sto ancora peggio se penso a come l'area verrà stravolta e stralunata con l'insediamento di attività commerciali... Sarà sicuramente uno scempio come avvenne anni fa con villa Pernice... Sigh!
0 #1 Fabio 2016-12-11 11:17
Ma i nostri Amministratori, e i vari consiglieri comunali di tutti gli schieramenti, dove vivono ??? Mi sembra che arrivino da Marte, NON mi stupisco per niente di quello che hanno trovato, era facilmente prevedibile tutto ciò. Non si è fatto NULLA per anni, chiaro che i predoni di ogni risma saccheggiassero il posto. Lo stesso discorso vale per l'ex asiletto in via Piave, ABBANDONATO da tempo, con erbacce, topi. piccioni, e chissà cos'altro, NON è ancora stato vandalizzato, perché le finestre sono state cementate, altrimenti chissà. Mi auguro che quel RUDERE con il tetto in via di crollo venga preso in considerazione sia dall'Amministra zione che dalla proprietà.
Aggiungi commento