I richiedenti asilo buttano il riso, la Lega lo cucina per i residenti

risotto_magp1.jpg

Agrate B. Una risottata di protesta in piazza. Domenica i ragazzi del Movimento Giovani Padani della Brianza, coordinati da Alessandro Corbetta, hanno distribuito gratuitamente risotto con la salsiccia ai cittadini agratesi. La manifestazione è stata la risposta alla protesta dei richiedenti asilo ospitati presso la struttura della Protezione civile, al confine con Carugate. Giorni fa, infatti, gli ospiti avevano gettato in strada il pasto preparato per loro (diversi chili di riso con carne e verdure), giudicandolo non gradito e ritenendo il servizio mensa responsabile di alcuni attacchi intestinali che, in realtà, sarebbero legati a normali virus. Non solo, la Croce Rossa, che gestisce la struttura dove sono ospitati circa 110 richiedenti asilo, aveva già cambiato il servizio mensa. Come ha spiegato la responsabile, prima i pasti arrivavano in vaschette monodose da riscaldare, ora arrivani tutti i giorni, mezzogiorno e sera, caldi, appena cucinati e poi vengono impiattati sul posto.  Per sedare la rivolta del riso, tra l'altro, erano dovuti intervenire una ventina di uomini delle Forze dell'ordine, con cinque gazzelle dei Carabinieri e tre auto della Polizia Locale.

"Chi scappa dalla guerra non butta via il riso"

"I clandestini ospitati ad Agrate, perchè ricordiamo che il 95% dei presunti profughi non viene poi riconosciuto come tale - spiegano i promotori - hanno gettato il risotto (gentilmente pagato dai contribuenti) in mezzo alla strada. Noi invece lo abbiamo efferto agli agratesi.. E hanno apprezzato! Chi scappa dalla guerra non butta via il cibo!"

risotto_mag2.jpg

Leggi anche

Prolungamento metropolitana, finalmente il tavolo regionale

Violenze sulla madre, in carcere insospettabile 48enne

Nuova Esselunga a Vimercate, dubbi e richieste di Concorezzo

 

Commenti   
0 #5 Marco 2016-07-14 12:45
Beppe Gornati, punto per punto, è vero che agli americani non piace la trippa, ma cosa aspettarsi chi mangia Hot-Dog (cane caldo). Va bene NON è cane ma il buongusto non alberga certo oltreoceano dove metà popolazione è obesa. Per quanto riguarda gli usi e costumi, vorrei vedere se andando come rifugiato, in un villaggio (come lo è Agrate) in Africa, pretrendessi l'osso buco con polenta SE NO, NON MANGIO E LO BUTTO ! Un buon silenzio vale più di mille parole.
0 #4 carlo 2016-07-14 12:19
Ai buonisti a prescindere: nessun alimento contiene maiale. Riguardo al ramadan, spero che nessuno chieda turni di notte agli addetti al servizio questi signori! Una piccola precisazione, in tempo di guerra i soldati, per fame VERA, hanno mangiato di tutto: dalla pelle di patate (quando le patate erano finite), gatti e a volte qualche topo... (raccontata da mio nonno (1^ guerra mondiale). Mio nonno diceva anche che chi scappava dalla guerra veniva .... fucilato come disertore!
0 #3 Beppe Gornati 2016-07-14 08:18
Aggiungerei, senza voler fare troppo il "buonista" che, se il risotto era con la salsiccia (mio prediletto), forse i musulmani avrebbero avuto qualche problema.... Provate a proporre/far mangiare la trippa (altra mia passione) ad un americano: più che guardarvi schifato, vi vomita addosso... Ovvero, ci sono usi e costumi diversi dappertutto.
0 #2 M.R. 2016-07-13 22:54
Queste scene, peraltro non nuove a livello nazionale, di "richiedenti asilo" che schifano il cibo che viene loro dato, vorrei arrivare a fondo e capirne effettivamente il motivo... e se è come penso... rispolverare il caro vecchio proverbio che invita a saltare dalla finestra.
0 #1 Loris Campalani 2016-07-12 19:52
Una Domanda, ma se i pasti arrivano a mezzogiorno e poi alla sera, durante il ramadan consumano tutto dopo il tramonto giusto? Dove viene conservato il cibo del mezzogiorno?

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI