Quel maledetto ottobre 1909: 12 morti per avvelenamento da funghi

funghi1.jpgConcorezzo. E' una delle pagine più tristi della storia cittadina. E se ne trovano ancora tracce nei libri di storia locale e negli archivi storici. Giovedì 7 ottobre 1909, sulla strada per Monza, due ragazzi concorezzesi raccolsero dei funghi per le loro famiglie (famiglia Natale Beretta e famiglia Serafino Beretta) e li mangiarono insieme la sera. La mattina seguente cominciarono i malori per le due famiglie (12 membri) che avevano partecipato alla cena. Tra venerdì e domenica, pur con l’assistenza del dottor Paolo Valla e del professor Banfi di Vimercate, tutti i membri delle due famiglie morirono. Una tragedia immane che colpì bambine di 17 mesi, 6 e 9 anni e molti giovani se si pensa che il membro più anziano, Natale Beretta, aveva solo 41 anni.

La tragedia ebbe un’eco enorme e ai funerali (celebrati da moltissimi sacerdoti tra i quali monsignor Cavezzali, la foto è tratta dall'Archivio storico) parteciparono oltre 15 mila persone. Il Consiglio comunale decise di partecipare alle spese perché "fu lutto generale pel paese e la Giunta, sicura d’interpretare il voto unanime di questa famiglia, ritenne doveroso concorrere nel decoro dei funerali a conto del Comune ed assegnare in separata località del Cimitero Comunale la sepoltura comune delle dodici salme”. Il Consiglio, “tributato un voto di plauso alla Giunta, all’unanimità, per alzata e seduta, ratifica le spese fatte in questa occasione”. La testimonianza completa dell'episodio è riportata con dovizia di dettagli sul libro di storia concorezzese del Pirola. All’ingresso del nostro cimitero una lapide ricorda ancora quel funesto episodio della storia di Concorezzo. 

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI