Tracce di sangue in biblioteca dopo un misterioso raid notturno

carabinieri-scientifica.jpgConcorezzo. I carabinieri della squadra Rilievi della Compagnia di Monza, supportati da militari della caserma di via Ozanam, sono intervenuti ieri mattina, martedì, nella biblioteca civica di via De Capitani. A chiamare il 112 è stato il personale dell'Ufficio Cultura del Comune, impressionato dalla scena che si è presentata ai loro occhi dopo l'apertura: le macchinette del caffè era state distrutte per razziare l'incasso (poche decine di euro per lo più in monetine), ma soprattutto a terra erano presenti diverse macchie di sangue. Il malvivente, è la pista più accreditata, si è ferito mentre distruggeva i distributori di bevande e ha perso parecchio sangue. Alcuni campioni sono stati prelevati dai carabinieri della scientifica per risalire al Dna e confrontarlo con le banche dati dei delinquenti comuni. Durante le operazioni, durate tutta la mattinata, la biblioteca è rimasta chiusa al pubblico. Nelle ore successive le sale sono state disinfettate e i distributori di bevande rimessi a nuovo dalla ditta incaricata. Non è chiaro come il malvivente abbia fatto a introdursi nella biblioteca: non viene nemmeno esclusa l'ipotesi che si fosse fatto chiudere all'interno l'ultimo giorno di apertura prima del ponte del 25 aprile.

Foto di repertorio

Leggi anche

Chi scappa davvero dalla guerra? La questione siriana

La vita sfregiata dalla droga: la lezione di Giorgia

visflex_250x250.jpg

 

Per la tua pubblicità: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI