Tartaruga gettata in discarica: Tip cerca casa

Tip discarica-0002-fb.jpgConcorezzo. Negli ultimi anni è cresciuto notevolmente l'acquisto di animali esotici, in particolare tartarughe d’acqua, scelti spesso perché erroneamente ritenuti meno impegnativi di un cane o di un gatto. Contemporaneamente si è assistito, purtroppo, a un aumento esponenziale degli abbandoni di questi rettili, quando dopo l'entusiasmo degli inizi ci si scontra con le prima difficoltà nella loro gestione. 

Le tartarughe vendute nei negozi, grandi come una moneta da 2 euro, spesso non ricevono le cure adeguate a causa della scarsa o errata informazione. È bene ricordare che non esistono tartarughe nane, le più comuni sul mercato (Trachemys scripta scripta o tartaruga dalle guance gialle) crescono e raggiungono i 20 cm di grandezza, richiedono quindi molto spazio e per questo le classiche vaschette con la palme - solitamente viene venduta assieme alle giovanissime tartarughine - sono inadeguate. 

La mancanza di spazi porta spesso le famiglie a disfarsi delle tartarughe nei modi più disparati, causando danni all’ambiente e agli stessi esemplari. Un esempio? Domenica 2 aprile alcuni volontari ENPA che si occupavano dei gatti della colonia felina all’interno della discarica di Concorezzo (MB) si sono visti sbucare da un cassone di rifiuti una grossa tartaruga. Portata in canile, è stata chiamata "Tip" ed è in buono stato di salute, anche se la lotta per la sopravvivenza le ha lasciato in eredità grosse lesioni alle zampe.

Molto spesso, inoltre, viene consigliata un’alimentazione a base di gamberetti secchi, una dieta sbagliata che insieme alla mancanza di luce adeguata causa seri problemi ossei. È quello che è successo alla nostra "Frisbee", trovata il 20 marzo in un prato in una frazione di Monza con gravi deformità (il carapace appiattito, da cui il nome dato all'animale) che le impediscono di nuotare in completa autonomia (anche a causa di una vecchia frattura alla zampa anteriore sinistra) e che le rendono difficoltosa una vita normale. 

Oltre a loro, presso ENPA Monza sono ospitate circa altre 30 tartarughe. Tutte si portano dietro molti problemi causati dalla precedente gestione o dall’abbandono che le vede vittime spesso di investimento, come "C17", arrivata con una grave frattura del carapace. Nella foto, la sostanza giallastra sono placche in resine che chiudono la frattura.  

ENPA ribadisce come sempre l’importanza di informarsi molto bene sull’animale che si intende introdurre in famiglia sia per farlo stare al meglio sia per una convivenza serena.

Per info: Chiunque fosse interessato all’adozione di uno o più di questi esemplari, disponendo di un ambiente idoneo con un laghetto, è pregato di contattare ENPA di Monza e Brianza a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / tel. 039-835623.

Leggi anche

Monza, C siamo: biancorossi in Lega Pro!

In Sport, il galà per celebrare atleti e tradizione sportiva

Loredana Giuca è viva: ritrovata a Brugherio

Derby di Milano, arrestato ultrà 27enne di Concorezzo

 

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI