Slider

CEV Cup, la Vero Volley si qualifica agli ottavi di finale

karyagin.jpg

VERO VOLLEY MONZA-MLADOST ZAGABRIA 3-1
 
Obiettivo centrato: la Vero Volley Monza, al debutto casalingo storico in CEV Cup, ha ottenuto la qualificazione agli ottavi di finale superando per 3-1 i campioni di Croazia, e leader anche nell’attuale Superliga, della Mladost Zagabria, formazione che infatti aveva iniziato la stagione in Champions League ma era stata eliminata nei preliminari. Per i rossoblù la strada si era fatta in discesa dopo la gara di andata vinta con lo stesso punteggio. Difatti il tecnico Massimo Eccheli per la gara odierna ha rischiato un pochino schierando lo schiacciatore Karyagin per lasciare a riposo Davyskiba. E così il primo set è stato perso 25-23.
 
Certo è che lo si sarebbe potuto vincere comunque se Grozer non fosse partito col freno a mano tirato, totalizzando un inconsueto per lui 33% in attacco. Va inoltre dato merito agli avversari allenati dallo sloveno Radovan Gacic, che nella prima frazione hanno giocato davvero bene, mostrandosi in particolare “aspiratutto” in difesa. Davanti ai pochi intimi presenti all’Arena di Monza si è andati avanti a braccetto fino al 19-20: poi un attacco di Nikacevic e un muro del brasiliano França hanno significato il “break” decisivo. Il punto del 23-25 porta la firma del serbo Busa.
 
Ricevuto lo “sberlone” Eccheli non ha cambiato nulla ma deve aver ben strigliato i suoi, che hanno cominciato a giocare con la determinazione da partita ufficiale e non da amichevole. Grozer ha iniziato a picchiare come sa, Dzavoronok è salito in cattedra con 7 punti dei 15 complessivi e i centrali Galassi e Beretta hanno furoreggiato in attacco e a muro. Dall’altra parte della rete c’è stato un tracollo in ricezione e di conseguenza anche in attacco, soprattutto da parte di Busa. In un attimo si è passati da 1-1 a 6-1, poi da 11-7 a 14-7 e quindi da 21-13 a 24-13 (con 3 punti di Dzavoronok di cui 2 in battuta). Il 25-14 finale è conquistato grazie a un servizio errato del subentrato temporaneamente Jakovac.
 
Per il terzo set tra i croati è stato schierato Bakonji al posto di Visic, ma il risultato non è cambiato perché quando da una parte si arriva in attacco al 67% e dall’altra al 32% è difficile che ci possa essere storia. A differenza del parziale precedente, però, gli ospiti hanno retto fino al 14-12, poi un doppio attacco di Dzavoronok ha aperto la strada alla conquista della qualificazione. Nella seconda parte si è scatenato Galassi, autore di 7 punti dei 13 complessivi. Il sigillo sul 25-15 l’ha apposto Karyagin, MVP del match grazie ai 13 punti messi a terra (65% in attacco) e al 61% in ricezione.
 
Acquisita la qualificazione Eccheli ha sostituito Dzavoronok, Orduna, Federici, Galassi e Grozer rispettivamente con Davyskiba, Calligaro, Gaggini, Grozdanov e l’ex della Mladost Mitrasinovic. Anche Gacic ha tolto França e Smiljanic concedendo spazio rispettivamente a Jakovac e Repek. Sul 5-5 i brianzoli hanno messo la freccia e sono andati a chiudere il set 25-20 con un muro di Grozdanov.
 
Negli ottavi di finale, in programma a metà gennaio, la Vero Volley affronterà l’Ankara con gara di andata nella capitale turca. Domenica prossima, invece, tornerà a lottare in campionato: alle ore 18 (con diretta tv su Rai Sport) sarà ospite della Sir Safety Conad Perugia.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI