santalfredo-1.png
santalfredo-2.png

Champions League, troppa Egonu per la Vero Volley

gennari.jpg

VERO VOLLEY MONZA-A. CARRARO IMOCO CONEGLIANO 0-3
 
Davanti ai 2400 spettatori dell’Arena (biglietti tutti esauriti considerando che il massimo della capienza consentita attualmente è il 60%) la Vero Volley Monza sbatte nella gara di andata dei quarti di finale di Champions League contro Egonu e le altre che fanno da contorno nella A. Carraro Imoco Conegliano alla giocatrice fenomeno della Nazionale italiana. Il tabellino conta per l’opposto delle “pantere” 27 punti di cui 3 ace e 2 muri, ma a prendere il premio di MVP è la palleggiatrice Wolosz che, obbedendo alle direttive dell’allenatore gialloblù Daniele Santarelli, alza per lei il 40% dei palloni. Le due centrali schierate oggi dalle venete, De Kruijf e Folie, hanno ricevuto solo 9 palloni contro i 23 attaccati dalle centrali di casa: un dato che certifica quanto sia monotematico il gioco di Santarelli da quando è a Conegliano e di come invece Marco Gaspari abbia provato tramite le mani di Orro a scardinare muri e difese gialloblù da ogni posizione. Purtroppo per lui l’equilibrio tra le due squadre è stato rotto dalla gran vena di Egonu, in serata di grazia. E così il primo derby italiano di Champions League della stagione se lo aggiudica la A. Carraro Imoco Conegliano, che ipoteca la finale, dato che, qualunque sarà l’esito del match di ritorno, la vincente supererà le semifinali a tavolino per via dell’esclusione dalla competizione delle 3 formazioni russe in seguito all’invasione militare dell’Ucraina. Con il risultato di oggi, tra l’altro, le trevigiane mantengono non solo l’imbattibilità nell’edizione 2021/22 della Champions League, ma addirittura lo 0 nella casella dei set persi. Nelle sfide della regular season del campionato la Vero Volley aveva subito una sconfitta per 3-2 in casa all’andata e poi si era vendicata vincendo per 3-1 a Villorba al ritorno: la speranza è che anche in coppa riesca a ribaltare il pronostico in considerazione che, è bene sottolinearlo, il team guidato da Santarelli è campione d’Europa in carica e vicecampione del mondo.
Nella Vero Volley ha oggi esordito da titolare il secondo rinforzo invernale, la schiacciatrice statunitense Jason Larson, preferita assieme ad Alessia Gennari alle slave Davyskiba e Lazovic. Si parte subito forte con un appassionante testa a testa tra le due compagini, anche se sul 5-5 già si nota che da una parte c’è una squadra mentre dall’altra un gruppo che gioca per alzare palloni solo a una di loro: tra le monzesi, infatti, a mettere le firme sulla prima “manita” sono in 4 mentre tra le ospiti la sola Egonu (a fine parziale sarà già a quota 12). La precisione di Orro, la potenza di Stysiak, le difese di Parrocchiale, ma anche i muri delle centrali e gli attacchi “sporchi” delle schiacciatrici alla banda mantengono la Vero Volley agganciata al “team Egonu” fino al 21-21. Poi Egonu, con un attacco e due ace inframmezzati da un errore in schiacciata di Stysiak, chiude la frazione di gioco in cui è stata maggiormente devastante.
 
In avvio di secondo set le venete partono col freno a mano tirato e le padrone di casa ne approfittano per portarsi sul 9-4 trascinate da Larson (7 punti nel parziale). Santarelli richiama le sue atlete nel time-out e la rimonta è veloce e dolorosa: l’aggancio arriva già sul 10-10 con l’ex rosablù Plummer. Si procede punto a punto fino al 14-14, poi le “pantere” piazzano il “break” con un pasticcio di Orro e due attacchi di Egonu. Il +3 diventa +2 (21-23) con una schiacciata sbagliata di Egonu dalla seconda linea, ma l’opposto si fa subito perdonare e poi a chiudere il set 21-25 ci pensa Wolosz con un ace.
 
Lo 0-2 si fa sentire psicologicamente tra le rosablù che approcciano male la terza frazione di gioco, apertasi con uno show di Plummer (2-5 con 4 punti suoi e solo 1 di Egonu). Nonostante il risveglio di Stysiak la Vero Volley non riesce a riagganciare le coneglianesi, nemmeno quando Orro cerca e trova pronta diverse volte l’ex gialloblù Danesi (6 punti nel parziale) a schiacciare “fast” al centro. Sul 14-15 arriva il “break” decisivo: una schiacciata di Egonu dalla seconda linea, un ace di Sylla e un errore a testa in attacco delle subentrate Davyskiba e Candi creano una voragine di 5 punti che non si può concedere a una “corazzata” come quella condotta da Santarelli. A chiudere il set sul 19-25 è una schiacciata stupenda di Sylla, l’italiana con sangue ivoriano cresciuta a Valgreghentino, vicino a Lecco. Alla fine la presidentessa del consorzio volistico monzese Alessandra Marzari ha tenuto a rapporto le sue ragazze.
 
La gara di ritorno si giocherà a Villorba giovedì 17 marzo alle ore 20.30, ma prima, domenica prossima alle 17, la Vero Volley scenderà in campo per il campionato in casa de Il Bisonte Firenze.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI