Slider

Che sorpresa... La Vero Volley fallisce in Coppa Italia

muro vanhecke danesi.jpg

VERO VOLLEY MONZA-REALE MUTUA FENERA CHIERI 0-3
 
Si sognava la finale a Roma davanti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e invece neanche si arriva a disputare la semifinale: la Vero Volley Monza ha clamorosamente fallito la qualificazione alla final four di Coppa Italia venendo annichilita all’Arena dalla Reale Mutua Fenera Chieri. Lo 0-3 è un risultato fin troppo pesante per le giocatrici brianzole, che non hanno giocato male ma certamente peggio delle loro avversarie. Si sfidavano la terza e la sesta di Serie A1 però le posizioni in classifica sembravano invertite: le rosablù sono state poco efficaci a muro e in attacco alla banda, mentre le piemontesi non hanno difettato praticamente in nulla e anzi si sono esaltate a muro ma soprattutto in ricezione e in difesa. Aldilà degli aspetti tecnici non è piaciuta la differenza di atteggiamento, con le padrone di casa deconcentrate e impaurite dalla forza inaspettata delle torinesi e queste al contrario grintose e determinate a strappare il biglietto per Roma. A fine match le chieresi hanno festeggiato come se avessero vinto la coppa, mentre le lombarde sono rientrate meste negli spogliatoi dove ad attenderle c’era la presidentessa del consorzio Alessandra Marzari che, immaginiamo, avrà fatto loro un cazziatone dei suoi.
 
Davanti ai pochi intimi cui è rimasta voglia di vedere la pallavolo dal vivo (nonostante l’ondata della variante omicron del coronavirus che sta colpendo anche la nostra nazione), il primo set si dipana con un interessante testa a testa tra le due squadre. Van Hecke risponde ai colpi di Grobelna, ma è Stysiak a mancare all’importante appuntamento: il 14% in ricezione e il 16% in attacco giustificano il cambio con Gennari, che però non è in grado di fare molto meglio. Sul 16-15 si registra il “break” della formazione allenata da Giulio Cesare Bregoli: una battuta sbagliata di Candi, una schiacciata dell’“ex” Mazzaro, un errore di Gennari, un attacco di Villani e una schiacciata sbagliata della rientrata Stysiak portano la squadra guidata da Marco Gaspari a -4. Un attacco di Davyskiba e una schiacciata di Van Hecke dalla seconda linea ridanno speranza nell’aggancio (23-24), ma il sogno viene spezzato da Cazaute.
 
Il secondo set assomiglia al primo: le ospiti mantengono altissimo il loro livello, soprattutto in ricezione. Però una super Parrocchiale in difesa trascina le compagne sul 12-8. Il time-out delle piemontesi è per loro provvidenziale: 2 punti di Cazaute (schiacciata ed ace), 1 di Grobelna in attacco e 1 di Mazzaro a muro (eccezionale il suo secondo set e ottimo il suo rendimento in generale) rimettono subito il parziale in parità. Poi sul 15-15 arriva il “break”: una battuta sbagliata di Davyskiba, un errore di Stysiak, un muro di Bosio e un attacco e un muro della subentrata Frantti (ma cosa ci faceva la schiacciatrice statunitense in panchina?) portano le piemontesi a +5. Anche stavolta Van Hecke ridà fiato alle speranze di aggancio (23-24) e anche stavolta vengono stroncate, però da Grobelna.
 
Gaspari inserisce Gennari e Zakchaiou rispettivamente per Stysiak e Candi, mentre Bregoli conferma Frantti per Villani. Proprio Frantti si aggiunge a Grobelna e Mazzaro tra le bocche da fuoco alle quali la Vero Volley non riesce a opporsi. Anche se la partenza è positiva: esattamente come nel set precedente le monzesi scappano sul 12-8 (nel frangente Orro è protagonista, ma anche la sua prestazione non è stata convincente, alzando troppe poche palle al centro) ed esattamente come nel secondo parziale vengono subito riprese e addirittura sorpassate da un muro di Grobelna. Il 13-13 firmato da Danesi è un fuoco di paglia: anche Van Hecke tracolla in attacco (11%) e per le brianzole è notte fonda. Gli errori di una sfiduciata Vero Volley si sommano alle fiammate di Frantti (autrice del punto del definitivo 18-25) e Grobelna, votata MVP grazie ai 14 punti (di cui 1 a muro) messi a terra e al 44% fatto registrare in attacco, ma soprattutto alla costanza di rendimento, risultata decisiva nei primi due set.
 
Alla Vero Volley non resta che farsi un esame di coscienza e ripartire nel 2022 sia in campionato che in Champions League con un altro spirito, al quale affiancare un serio lavoro quotidiano in palestra. Perché non bastano le grandi firme per vincere se non c’è determinazione e umiltà nell’affrontare le avversarie.
 
Il prossimo match è proprio l’ideale per voltare pagina: domenica 9 gennaio alle ore 17 l’Arena di Monza ospiterà le terribili “farfalle” dell’Unet E-Work Busto Arsizio per la prima giornata di ritorno di Serie A1.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI