Galliani: "Ecco la maglia del Monza che andrà in Serie A"

Monza. "Tra un anno dovremo essere in Serie A”. È il mantra che Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza, ha ripetuto più e più volte durante la conferenza stampa di presentazione delle maglie ufficiali della squadra neopromossa in Serie B per la stagione 2020/21 tenutasi all’autodromo. L'occasione è stata propizia anche per presentare l'ultimo acquisto, l'attaccante danese Christian Gytkjaer, “bomber” prelevato dai polacchi del Lech Poznan.

Galliani è stato, come al solito, il mattatore dell’evento. Quando c'è da parlare del suo grande amore, il Monza, non smetterebbe mai: “Siamo qui per la presentazione della maglia del ‘grande sogno’, creata dallo sponsor tecnico Lotto, lo stesso del Vicenza, anch'esso promosso in Serie B. Abbiamo 4 sponsor tra maglia e pantaloncini più 1 in attesa di autorizzazione dalla Lega Serie B perché sarebbe sulla manica. Significa che gli imprenditori credono nel nostro progetto, che è quello di portare per la prima volta questa città in Serie A. La squadra è già allestita: non posso dire i nomi dei nuovi acquisti perché molti stanno ancora giocando in Italia o in Europa (comunque sono già trapelati i nomi del portiere Michele Di Gregorio, dell’Inter ma attualmente in prestito al Pordenone, del difensore Giulio Donati del Lecce, del difensore Davide Bettella, dell’Atalanta ma attualmente in prestito al Pescara, del centrocampista Andrea Barberis del Crotone e dell’attaccante bosniaco Mirko Maric dell’Osijek, club croato, nuova patria del giocatore, ndr). Zlatan Ibrahimovic è nel mio cuore ma chiede un ingaggio troppo elevato. Mi ha detto che deciderà tra una settimana: al 99% non giocherà nel Monza. Ho detto ai giocatori di non far venire da me i procuratori per il rinnovo del contratto finché non saremo in Serie A. Sarà una squadra che farà sognare i nostri tifosi e dovrà togliermi dopo oltre 40 anni la delusione mai digerita per le quattro volte consecutive che il Monza ha sfiorato la Serie A senza mai andarci. Ma non c’è solo la squadra: a Monza c'è anche la struttura societaria. Il budget è importantissimo: solo ‘patron’ Silvio Berlusconi poteva far sognare questa città. Quando lo andiamo a trovare, io e i manager di Fininvest, parla solo del Monza e dà per scontato che tra un anno saremo in Serie A. Oggi ero a pranzo col presidente dell’Atalanta e gli ho detto che sono un modello di società; anche per lo stadio vogliamo fare come a Bergamo: per la Serie A vogliamo tenere del Brianteo solo la tribuna e ricostruire gli altri settori con la copertura.

Il sindaco Dario Allevi ha sottolineato la “voglia di tornare alla normalità. Prima dell’arrivo della pandemia c’era un entusiasmo attorno al Monza che non si vedeva dai tempi dello stadio Sada. Stiamo collaborando con la società per l’esecuzione di lavori dentro e fuori lo stadio necessari per affrontare la cavalcata nella cadetteria. A tutti i tifosi dico che dobbiamo continuare a sognare perché con la coppia Berlusconi-Galliani niente è impossibile”.

Pietro Benvenuti, direttore generale dell’Autodromo Nazionale di Monza, è alle prese col primo Gran Premio d’Italia di Formula 1 senza pubblico. Un problema di grave entità anche dal punto di vista finanziario, ma ciò nonostante guarda con ottimismo al futuro: “Siamo fieri di essere diventati un anno fa city partner del Monza, per i risultati eccellenti della squadra e per il grande entusiasmo che vediamo attorno al club, entusiasmo che ci ha fatto superare momenti difficili”.

Il presidente di Lotto Sport Italia, Andrea Tomat, ha introdotto così le nuove maglie: “Il nostro compito è trovare ogni anno qualcosa di nuovo, di particolare, per dare lustro alla società. Squadra che vince non si cambia e noi siamo qui per restare per lungo tempo”.

Finalmente sono state svelate le maglie: la prima, nel segno della tradizione, resterà rossa con la banda verticale bianca, la seconda sarà bianca con la banda rossa e la terza blu navy con banda biancorossa. Il nuovo main sponsor sarà WithU, brand commerciale di Europe Energy, azienda italiana operante nel mercato dell’energia elettrica e del gas. Tornerà la scritta Pontenossa, azienda della famiglia Colombo, ex proprietaria del Monza, come back sponsor, mentre sui pantaloncini rimarrà Dell’Orto come short sponsor. A proposito di marketing, il Monza è sbarcato su TikTok, canale social che si aggiunge a Facebook e Instagram. Riguardo al sito internet, che da pochi giorni è anche in lingua inglese, Galliani ha rivelato che “adesso 1 visitatore su 10 è straniero”.

La sorpresa finale è stata la presentazione di Gytkjaer: “Lo voleva mezza Europa” ha dichiarato Galliani. Il giocatore ha espresso, in inglese con l’aiuto di una interprete, le solite frasi di circostanza: “Non è un segreto che io abbia ricevuto diverse offerte perché arrivo da stagioni positive. Quella di venire a Monza è stata una decisione convinta perché credo che qui si possa fare molto in quanto c’è un grande progetto. Ho parlato con alcuni amici che giocano in Italia, come Simon Kjær, e mi hanno dato certezze, mi hanno detto di venire con sicurezza. Qui mi sono convinto di aver fatto la scelta giusta. Col Monza ero in contatto da diverso tempo ma il Covid-19 ha bloccato tutto. I tifosi sono entusiasti del mio arrivo? Sono contento. Speriamo ce l'abbiano per tutta la stagione. Anch’io sono molto entusiasta, di essere qui a Monza”.

La squadra, radunatasi l’1 luglio e al lavoro al centro sportivo Monzello dall’8 luglio, ha già disputato alcune partitelle in famiglia, ma a breve saranno annunciate le amichevoli che accompagneranno il gruppo fino all’inizio del campionato di Serie B, che probabilmente sarà il 19 settembre.

BZG_3889.jpg

BZG_3833.jpg

BZG_3792.jpg

BZG_3782.jpg

Aggiungi commento