santalfredo
santalfredo

Il Monza scivola a Como

dalessandrocomo.jpg

COMO-MONZA 2-0
 
Dopo 4 vittorie consecutive il Monza cade nel derby col Como e lo fa malamente, mostrando quelle gravi lacune in attacco che spesso in stagione sono state coperte dai centrocampisti offensivi. L’allenatore Giovanni Stroppa in sala stampa ha puntato giustamente il dito contro le sue punte, ma anche lui ha le sue colpe se non riesce a farle rendere come da loro potenziale. Oggi si è rivisto in campo Mota, però pure il portoghese ha sbagliato partita come ormai fanno regolarmente tutti gli attaccanti della rosa biancorossa. E, aggiungiamo, come già facevano gli stessi la scorsa stagione agli ordini di Cristian Brocchi. C’è un sistema di gioco simile, fatto di una miriade di passaggi e passaggini, che evidentemente non permette a chi ha il gol nel sangue di esprimersi al meglio, trovando magari la retroguardia avversaria fuori tempo o mal disposta. Perché a difesa schierata il Monza non sa pungere: ormai è una dato di fatto. L’exploit di Mota dello scorso autunno è un lontano ricordo, Mancuso è un fantasma spaesato, Gytkjaer non vede la porta, Ramirez è fuori forma e Favilli è sempre rotto. In questa situazione il sogno della prima storica ascesa in Serie A rischia di svanire presto e se mercoledì prossimo (calcio d’inizio alle ore 19) i biancorossi non supereranno il temibile Ascoli all’U-Power Stadium la promozione diretta diverrà una chimera.
 
Contro i lariani Stroppa non ha potuto disporre degli squalificati Molina e Pedro Pereira e degli infortunati Marrone, Bettella, Vignato e Mazzitelli. Rispetto all’ultima partita hanno giocato Barberis, Valoti, D’Alessandro e Mancuso rispettivamente per Mazzitelli, Machin, Molina e Gytkjaer. Al tecnico di casa Giacomo Gattuso mancavano invece Chajia, Varnier, Scaglia, Gatto e Bertoncini.
 
Il match, giocato davanti a 5mila spettatori (tutto esaurito per l'attuale agibilità dello stadio Sinigaglia) è vibrante ma le occasioni che fioccano non sono di quelle clamorose. Al 10’ un colpo di testa del monzese Sampirisi passa alto. Il Como risponde al 23’ con un rasoterra debole di Ciciretti bloccato facilmente da Di Gregorio. 1’ più tardi D’Alessandro crossa dalla sinistra e il portiere locale Facchin smanaccia sulla sagoma di Mota che non riesce a concludere. Il Monza ci prova ancora al 27’ con un destro di Donati che finisce in curva, al 28’ con un debole rasoterra di Ciurria parato, al 31’ con un sinistro al volo di Valoti che termina a lato e al 44’ con un sinistro di Ciurria alto sulla traversa.
 
L’avvio di ripresa vede un Como più intraprendente e sicuro. Al 4’ un sinistro di Ciciretti dal limite vola alto. Al 9’ a Ciurria non riesce il gol in acrobazia e 1’ dopo il Como passa in vantaggio: sul cross dalla sinistra di Iannou arriva imperiosamente di testa Cerri che insacca alle spalle di Di Gregorio il suo nono centro stagionale. La reazione del Monza è debole: al 14’ un destro dalla distanza di Valoti e al 18’ un colpo di testa di Sampirisi finiscono a lato. Stroppa inserisce Machin, Colpani e Gytkjaer al posto di Paletta, Mota e Mancuso, arretrando Donati in difesa, dove Sampirisi viene spostato in mezzo, allargando a destra a centrocampo Ciurria e avanzando Valoti come seconda punta. Ma le cose con cambiano: il maggior possesso di palla rispetto ai comaschi non produce occasioni limpide. Al 23’ un destro di Machin sfila a lato e al 29’ un tiro-cross di Donati passa alto di poco. Al 31’ il Como spreca con Cerri un contropiede 2 contro 1, ma al 36’ un altro contropiede viene finalizzato da La Gumina, all’ottavo centro stagionale. 3’ dopo entrano tra i biancorossi Caldirola e Pirola per Sampirisi e D’Alessandro, con Carlos Augusto che viene avanzato a centrocampo. Ma non succede niente: in area di rigore avversaria il Monza è inesistente.
 
In sala stampa Stroppa ha trattenuto a fatica l’irritazione nei confronti dei suoi attaccanti: “Fino al primo gol eravamo in pieno dominio del gioco, non avevamo concesso niente. Poi abbiamo perso un po’ di ordine ed è arrivato anche il secondo gol. Una squadra che tira così tanto e non centra la porta è palesemente vulnerabile. Abbiamo perso un’occasione importante: dobbiamo assolutamente migliorare la fase conclusiva dell’azione. Purtroppo in infermeria si sono aggiunti Paletta che ha accusato un problema al polpaccio e Sampirisi che ha preso un pestone e non riusciva più a correre”.
 
Gattuso si è mostrato raggiante: “Il Como ha fatto una grande prestazione, soprattutto nel secondo tempo. Oggi ci voleva tanta carica agonistica e tanta organizzazione: il Monza per me è la squadra più forte della Serie B, ma noi abbiamo fatto la partita perfetta. Nel primo tempo il Monza ha fatto meglio di noi, ma nel secondo li abbiamo limitati tanto”.
 
 
FOTO BUZZI

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI