Slider

Il Monza si riscatta con la Reggiana e difende il secondo posto

colpanifestegol.jpg

MONZA-REGGIANA 2-0
 
Anche stavolta il Monza risponde a una sconfitta con una vittoria. Dopo il k.o. di Reggio Calabria di sabato scorso i biancorossi hanno reagito piegando nel turno infrasettimanale la Reggiana col più classico dei punteggi. Per la squadra emiliana si è trattata della quarta batosta consecutiva, filotto che non lascia dormire sonni tranquilli all’allenatore Massimiliano Alvini.
 
Il gruppo guidato da Cristian Brocchi ha invece difeso il secondo posto che varrebbe la promozione in Serie A con una prestazione anomala nel gioco e negli interpreti. Il tecnico milanese ha rivoluzionato l’“undici” titolare schierando una formazione sbarazzina, con una quota di corridori decisamente superiore alla solita a scapito della quota tecnica. Oltre a maggior velocità nel gioco si sono visti più lanci dalle retrovie: insomma, tanta “palla lunga e pedalare” a sconfessare il credo “brocchiano” a vantaggio dell’agonismo, della tigna e della concretezza.
 
Senza lo squalificato Bellusci e gli infortunati Barberis, Balotelli e Gytkjaer, la “rivoluzione di primavera” ha interessato, o per “turnover” o per scelta tecnica, anche Di Gregorio, Paletta, Sampirisi, Barillà e Boateng. In porta è tornato Lamanna, in difesa Carlos Augusto a sinistra e in mezzo Pirola e addirittura Scaglia, a centrocampo Armellino e in attacco Diaw e Mota con alle spalle D’Errico trequartista. Ecco, un’altra novità è stato il recupero del sistema 4-3-1-2, accantonato proprio dopo la sconfitta contro la Reggiana della gara di andata. Sarà stata un’eccezione o un “ritorno alle origini”? I maligni dicono un’imposizione arrivata dall’alto, forse da quel “patron” Silvio Berlusconi che in giornata ha reso visita alla squadra per caricarla a dovere. Chi invece non era presente allo U-Power Stadium né prima né durante l’incontro era l’amministratore delegato Adriano Galliani, nei giorni scorsi ricoverato in ospedale per “coronavirus”: le sue condizioni sono in lento miglioramento.
 
Tra una folata di vento gelido e l’altro il Monza parte a spron battuto e Mota si scalda subito con tre colpi di testa, che finiscono il primo a lato di un soffio e il secondo e il terzo alto. Al 12’, però, a conclusione di una carambola in area granata, Carlos Augusto è svelto ad arrivare per primo sulla palla e a infilare Venturi. Acquisito il vantaggio i biancorossi rallentano la manovra e la partita perde di vivacità. Al 28’ un destro dalla distanza di Armellino lambisce il palo. Al 37’ un colpo di testa di Diaw termina alto. La Reggiana? Non pervenuta dalle parti di Lamanna.
 
Nella ripresa Carlos Augusto si fa male alla testa in uno scontro di gioco e viene sostituito dal redivivo Anastasio, rientrato a gennaio dal prestito al Rijeka. Il Monza imbriglia gli emiliani e da metà tempo in poi li domina, pervenendo al raddoppio. Il taccuino registra quasi solo occasioni biancorosse: al 24’ Diaw s’invola in contropiede e serve Mota che mette in mezzo dove Frattesi e D’Errico non si intendono gettando alle ortiche la ghiotta occasione; al 32’ e al 35’ la Reggiana risponde prima con una rovesciata di Ardemagni abbondantemente fuori e poi con un rasoterra di Cambiaghi a lato. Brocchi inserisce Sampirisi, Colpani e Maric rispettivamente per Donati, Scozzarella e Mota. La mossa porta al gol del 2-0 in breve tempo: al 39’ un altro contropiede consegna a D’Errico una palla che il capitano offre a Colpani, bravo a fintare e a scagliare la sfera nel “sette” alla destra di Venturi. Proprio D’Errico lascia il posto in campo a Ricci che al 47’ si fa respingere da Venturi una conclusione a seguito di un delizioso assist di Maric. Insomma, a salvare Brocchi dal rischio di esonero sono stati i giocatori “dimenticati” da un po’, quelli che nelle ultime settimane avevano i “musi lunghi” per lo scarso “turnover” operato dal tecnico. Chissà che scelte farà prossimamente, a cominciare da sabato prossimo, quando a Monza arriverà il forte Venezia. Il fischio d’inizio sarà alle ore 16.
 
In sala stampa Brocchi è tornato sulla sconfitta di Reggio Calabria, affermando che “questo è un campionato difficile, dove capita di sbagliare partite. Oggi è stato dato un segnale che la squadra c’è e anche l’impegno c’è sempre stato. La riscoperta dei giocatori della promozione in Serie B? Chi si impegna viene premiato. Scaglia ha sempre fornito ottime prestazioni quando chiamato in causa. Sono poi contento per D’Errico perché per lui sono come un padre. Il ritorno al 4-3-1-2? Non è per sempre. Quello che è certo è che giocheremo sempre con 4 difensori e 3 centrocampisti. Poi dipenderà dalla partita se ci saranno 3 attaccanti o 2 attaccanti e 1 trequartista o anche 1 attaccante e 2 trequartisti”. L’ultimo pensiero è per l’a.d.: “Io, lo staff e i giocatori dedichiamo questa vittoria a Galliani. Sentiamo la sua mancanza”.
 
 
FOTO BUZZI
Aggiungi commento