santalfredo
santalfredo

Il Monza torna a Roma per affrontare la Lazio

palladinomonzello.jpg

Due partite in quattro giorni: quello che attende il Monza è una vera e propria volata per accaparrarsi la miglior posizione possibile al momento della sosta del campionato dovuta al Mondiale, che purtroppo non vedrà competere la nostra Nazionale. Per il tecnico biancorosso Raffaele Palladino non ci sarà bisogno di operare un “turnover”: “Non mi piace la parola ‘turnover’ - ha dichiarato in conferenza stampa - Ci saranno queste due partite e poi una sosta lunga. Dunque non guardo l’aspetto della possibile stanchezza. Pertanto giocherà la miglior formazione possibile sia a Roma contro la Lazio che in casa contro la Salernitana. Domani dovrà essere una partita piena di entusiasmo da parte nostra. Dobbiamo cavalcare l'onda dell'ultima vittoria. Dobbiamo andare a giocare la partita con coraggio, slancio, voglia di mettere in difficoltà la Lazio, che è una squadra forte e che sta anche molto bene. Come per le altre partite la giocheremo apertamente. Non sarà facile scardinare la seconda difesa del campionato. Loro danno pochi riferimenti, giocano molto di squadra. Noi dovremo innanzitutto difenderci bene e poi far male nelle ripartenze. Non mi interessa se la Lazio giocherà con dei giocatori piuttosto che con altri: ha una rosa tale che può mettere in campo sempre giocatori forti che possono metterci in difficoltà. Sono un grande estimatore dell'allenatore Maurizio Sarri già da quando non era in Serie A: ricordo in particolare quando era il tecnico dell'Empoli. Le sue squadre le riconosci immediatamente perché da subito hanno una precisa identità di gioco. Lui ha tantissima esperienza e noi giovani allenatori abbiamo solo da imparare. Chi farò giocare? Questa settimana ho l'imbarazzo della scelta perché stanno tutti bene, a parte Pablo Marì, Sensi e Mota, e si sono allenati tutti bene. Devo fare i complimenti allo staff medico perché hanno recuperato tutti gli acciaccati. Sensi? È un’artista in campo: ci mancherà tantissimo perché è un giocatore straordinario. Nell'ultimo periodo stava associando qualità tecniche a qualità fisiche. Per sostituirlo sto provando tante soluzioni e deciderò domani chi far giocare. Izzo? Lo conosco da giocatore molto bene. So che può fare di più: non ha fatto la carriera che avrebbe dovuto fare; lui è un giocatore che potenzialmente poteva giocare in un grande club. Ha quella cattiveria agonistica che quando lui non gioca se ne sente la mancanza. Con lui siamo tornati ad avere solidità difensiva. Carlos Augusto? È un giocatore straordinario, che può giocare in un grande club e anche in Nazionale brasiliana o italiana… mi auguro in quella italiana. Poi è un ragazzo equilibrato, umile: coronerà i suoi sogni. Machìn? Ha sofferto a stare fuori in questo periodo. Deve però stare pronto e lui si è sempre allenato bene. In una delle prossime due partite penso che avrà occasione di giocare. Come mai non segniamo mai di testa? Di cross ne facciamo molti, ma ci arriviamo troppe volte col tempo sbagliato e questo succede perché non riempiamo abbastanza l'area: bisogna migliorare questa situazione”.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI