santalfredo
santalfredo

La Vero Volley riempie una Cisterna di schiacciate

grozersedlacekzingel.jpg

VERO VOLLEY-TOP VOLLEY CISTERNA 3-2
 
La Vero Volley torna alla vittoria dopo due stop consecutivi piegando al tie-break la sorpresa del campionato Top Volley Cisterna, terza in classifica. I ragazzi allenati da Massimo Eccheli si sono ripresi dalla orribile prestazione di Verona, ma non sono guariti del tutto, soffrendo di alti e bassi di cui gli ospiti non hanno approfittato. Sul 2-1 a loro favore i laziali guidati da Fabio Soli, “ex” di giornata assieme a Sedlacek, da una parte, e a Maar e Szwarc, dall’altra, sono via via calati, forse patendo una condizione fisica non ancora al meglio.
 
A fare la differenza nel match, visto in diretta da un pubblico di 1018 persone all’Arena di Monza e da qualche centinaio di migliaia di spettatori in tv su Rai Sport, è stato il solito trascinatore dei verdeblù brianzoli, l’opposto bulgaro naturalizzato tedesco Georg Grozer, premiato alla fine come MVP in virtù dei 32 punti messi a terra (di cui 2 ace e 3 muri) e dell’ottimo 56% in attacco.
 
Il primo set si apre con l’infortunio al centrale titolare di casa Di Martino, uscito dal campo in braccio ai compagni di squadra sul 4-3 e poi portato via in autoambulanza per gli esami e le prime cure alla gamba destra dolorante (si sospetta una lesione muscolare all'adduttore). Al suo posto ha quindi giocato capitan Beretta. La Vero Volley prova una fuga (9-5), ma viene ripresa (10-10). Il break arriva sul 13-13 grazie a un ace di Sedlacek e a un attacco di Dirlic (6 punti nel parziale dei 22 totali a contrastare gli 8 di Grozer). Il margine si amplia a 4 punti (17-21) dopo un muro di Rossi e un errore di Grozer dalla seconda linea e si mantiene fino alla fine del parziale (21-25). A fare la differenza in questo set la percentuale in attacco, 65% a 50% per i pontini, una “forbice” dovuta in primis alla brutta partenza di Davyskiba (25%).
 
Il bielorusso si riscatta nel secondo set, chiudendo con 7 punti contro i 9 di Dirlic e mettendosi in mostra al servizio (alla fine del match totalizzerà 4 ace). Dall’altra parte crolla invece Sedlacek, che in attacco produce solo il 12%. Sul 2-2 la Vero Volley comincia a rosicchiare qualche punto di margine, ma i pontini riescono sempre a ricucire fino al 17-16. Poi una schiacciata e un muro di Grozer inframmezzati da un ace di Zimmermann, un pallonetto di Davyskiba e un attacco sbagliato di Sedlacek scavano il solco che Davyskiba quindi arrotonda con un muro e un ace e Galassi sigilla con una veloce (25-18). Il parziale si chiude con un eloquente 6-1 nei muri-punto per la squadra di casa.
 
Il terzo set, che è il più equilibrato, ripropone la sfida tra Grozer e Dirlic, con il primo che realizza 9 punti e il croato 8. Purtroppo Maar cala al 33% in attacco (suo anche l’errore finale) e nonostante l’abissale differenza in ricezione (64% a 32% per i brianzoli) a sorridere è la Top Volley (26-28).
 
Il quarto set è quello della riscossa verdeblù, complice il calo dei laziali. La ricezione resta nettamente migliore (59% a 23%), ma è l’attacco che fa la differenza: 53% a 17% per i padroni di casa, con in cattedra il centrale campione del mondo Galassi, che piazza a terra 6 palloni. La Vero Volley prende il volo sul 9-9: da +2 il margine si allarga a +5 (18-13) e quindi a +7 (21-14). L‘invasione di Gutierrez a muro fissa il punteggio sul 25-18.
 
Nel tie-break i pontini cercano di dar fondo a tutte le energie rimaste, ma l’inerzia del match e soprattutto la maggior freschezza fisica gonfiano le vele alla compagine di casa, che sul 5-7 sorpassa e se ne va trascinata da un “SuperGrozer” (due schiacciate dalla seconda linea e un pallonetto sempre dalla seconda linea inframmezzati da un attacco di Davyskiba). Sul 13-11 è ancora Grozer con un attacco e infine Beretta a sigillare set e match (15-11, 3-2).
 
La Vero Volley tornerà in campo domenica 27 alle ore 20.30 in casa della Pallavolo Padova.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
 
 
 
 

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI