Palladino vuole proseguire la serie positiva col Monza

palladino2023.jpg

Arriverà domani per la prima volta in stagione la seconda vittoria consecutiva in campionato per il Monza? Dopo il successo di lunedì scorso a Reggio Emilia sul Sassuolo i biancorossi sono chiamati a ripetersi all’U-Power Stadium contro la Salernitana (calcio d’inizio alle ore 12.30), che non ha vinto nessuna delle 7 gare finora disputate della Serie A 2023/24. Per l’allenatore dei granata Paulo Sousa potrebbe essere l’ultima occasione per salvare la panchina. Ma il suo omologo Raffaele Palladino non ha alcuna intenzione di lasciarsi intenerire anche se stima moltissimo il tecnico lusitano: “Io sono un grande estimatore di Sousa – ha dichiarato in conferenza stampa – Ho avuto il piacere di conoscerlo a Coverciano. È bravo, buono, educato ed è un grande lavoratore. Fa giocare bene le sue squadre: la scuola portoghese è interessante. La Salernitana è una squadra votata al possesso palla, ha messo in difficoltà l’Inter per 60’, ha una classifica bugiarda. Noi la dovremo affrontare col piglio giusto. Dovremo essere pronti a fare una partita importante, di spessore, intensità, vincendo i duelli. Ci fanno piacere i dati statistici positivi, ma a me fa piacere in particolare la solidità dovuta a una fase difensiva di squadra fatta bene. Purtroppo domani saremo in emergenza in difesa perché ai già indisponibili Izzo e Bettella si è aggiunto il forfeit di Cittadini, che si è infortunato. In attacco ci mancherà ovviamente Caprari ma avremo Gomez non solo a disposizione, ma in buona forma, anche se non è ancora al meglio: ci ho parlato dopo l'ultimo allenamento e ha buone sensazioni. Riguardo a Mota, sta facendo un grande lavoro per la squadra, ma sa che può dare di più, in particolare a livello di gol e assist. Di Gregorio? È un portiere fantastico, un grandissimo lavoratore: l’anno scorso ha disputato un grande campionato e quest'anno si sta confermando; ed è anche diventato un leader nello spogliatoio. La condizione di forma della squadra? Per sopperire alle differenti qualità tecniche delle squadre più ‘grandi’ noi dobbiamo avere una tenuta fisica importante. In questo momento stiamo bene, siamo brillanti. Poi è importante l’apporto di quelli che entrano dopo, perché devono sostenere la squadra. L’esclusione di Pessina dalla lista dei convocati nella Nazionale italiana e la chiamata per la prima volta in Nazionale brasiliana dell’ex biancorosso Carlos Augusto? Non so quali siano state le motivazioni per escludere Pessina dalle convocazioni, ma per la mentalità che ha lui e per quanto ci tiene alla maglia della Nazionale sono sicuro che lavorerà di più per rientrarvi. Riguardo a Carlos, appena ho saputo la notizia ho fatto una videochiamata per fargli i complimenti. Per noi è stato un onore averlo avuto qui a Monza fino a poche settimane fa, l’averlo fatto crescere e lanciato verso una grande squadra. Complimenti alla società che ha creduto nel ragazzo, che tra l’altro gioca nell’Inter ma è ancora di proprietà del Monza. In bocca al lupo a Carlos Augusto!”.