Slider

Per il Monza si allontana il sogno della Serie A

boatengdiaw.jpg

MONZA-PESCARA 1-1
 
Il Monza di Cristian Brocchi ha perso l’ultimo treno per la promozione diretta in Serie A. E con un gioco che ha fruttato 2 punti nelle ultime 3 partite, di cui 2 disputate all’U-Power Stadium, anche ai play-off non farebbe molta strada. Quella biancorossa è ormai diventata, complici anche gli infortuni, una modesta compagine di Serie B, non all’altezza della proprietà che si ritrova. Ma è la proprietà che ha scelto l’allenatore e dunque la colpa del tracollo che si sta registrando nel girone di ritorno non può essere addebitata solo al tecnico milanese. Anche dopo il “pareggino” di oggi contro la penultima in classifica, che segue il pareggio “di rigore” contro l’ultima in classifica, Fininvest ha fatto sapere che Brocchi resta al suo posto. Una decisione che può essere spiegata così: se il nuovo allenatore facesse il mezzo miracolo di portare il Monza dove non è mai stato, come si farebbe a scaricarlo essendo ormai la società già in parola con un importante tecnico attualmente su una panchina di Serie A? Perché comunque vada a finire quest’anno il destino di Brocchi e del suo staff pare segnato: anche in caso di promozione non ci sarà rinnovo del contratto. Lui capirà e si farà da parte perché deve tanto a Berlusconi e Galliani, mentre è chiaro che se arrivasse adesso uno da Massa o da Cisano Bergamasco a infilare 6 vittorie consecutive l’imbarazzo per i vertici del club sarebbe enorme.
 
Le altre motivazioni possibili le lasciamo agli amici di Brocchi, ai “foraggiati” dalla società e a qualche giornalista. Oggi Galliani è tornato allo stadio dopo la guarigione dal “coronavirus” e ha potuto vedere coi suoi occhi una squadra che corre meno delle altre e non è capace di buttare una palla dentro la porta se non su calcio da fermo. In estate a Brocchi è stato preso il capocannoniere del campionato croato e il capocannoniere del campionato polacco e a gennaio quello che era in quel momento il capocannoniere di Serie B, ingaggiato dopo essersi resi conto che Balotelli aveva seri problemi fisici: ebbene, in 52 presenze complessive hanno realizzato rispettivamente 2, 6 (con 2 rigori) e 0 reti. Anche in casa Fininvest si stanno domandando se davvero hanno fatto “bingo” in fatto di… brocchi o se i… brocchi stiano in panchina con la tuta.
 
Oggi mancavano gli infortunati Donati, Bellusci, Anastasio, Mota, Balotelli e Gytkjaer, ma Gianluca Grassadonia, tecnico del Pescara, lamentava le assenze di Drudi, Bocchetti, Tabanelli, Rigoni e Balzano. Nel Monza tornavano Lamanna, Armellino e Boateng, ma solo gli ultimi due hanno riconquistato il campo a spese rispettivamente di Colpani e Ricci, mentre in porta è stato confermato Di Gregorio. Rispetto alla partita di Chiavari l’allenatore biancorosso ha preferito Paletta, Pirola, Barberis e Frattesi rispettivamente a Bettella, Scaglia, Scozzarella e D’Alessandro. Inoltre ha rimpiazzato Donati con Sampirisi.
 
Il Pescara parte pimpante e al 6’ su calcio d’angolo di Galano il danese Sorensen manda di testa alto di poco. Il Monza risponde 3’ dopo con Diaw che conquista palla sulla tre quarti e dal limite spara alle stelle. Al 12’ una bomba di Armellino dalla distanza colpisce la traversa e poi la palla picchia sulla linea di porta ed esce. Stavolta è la squadra abruzzese a rispondere 4’ dopo con un destro di Capone che cozza sul palo. Al 23’ il Monza passa in vantaggio con uno schema collaudato: corner di Barberis e Frattesi sul primo palo che anticipa tutti di testa e insacca nell’angolo opposto. Nel finale di tempo Di Gregorio respinge una botta di Capone e Dokic e Boateng mandano alto dalla distanza.
 
Nella ripresa, all’occasione in area monzese sprecata da Capone risponde Frattesi con un destro che passa alto. D’Alessandro rimpiazza il “taccomane” Boateng e poco dopo Armellino calcia incredibilmente a lato su corner di Barberis. A metà tempo il Pescara ingrana la quinta. Al 24’ Di Gregorio smanaccia in qualche modo la palla sulla linea scagliata da Masciangelo da posizione quasi impossibile. Al 25’ Ceter lambisce il palo con un colpo di testa. Ma al 27’ pareggia: cross di Bellanova dalla destra, Pirola svirgola la sfera e Ceter stavolta non perdona. Brocchi inserisce prima Colpani e Ricci per Frattesi e D’Errico e 9’ dopo Scozzarella e Maric per Barberis e Diaw. È però il Pescara a sfiorare il raddoppio ancora con Ceter al 44’. Al 45’ né Ricci né Maric riescono a deviare la sfera sul cross dalla sinistra di Colpani. Quest’ultimo ci prova al 49’ con un calcio di punizione ma Fiorillo respinge in tuffo.
 
In sala stampa Brocchi non sa più con chi prendersela, anche se la sfortuna e gli attaccanti sono sempre molto gettonati: “Siamo dispiaciuti di non aver vinto anche per Galliani. Purtroppo non siamo riusciti a chiudere la partita che meritavamo di vincere. E si sa che lasciando una partita in bilico può succedere qualsiasi cosa. Ed è successo con l’episodio sfortunato di Pirola, che ha sbagliato l’unico pallone di tutta la partita. È un periodo difficile, dove subentra la voglia di strafare che ti porta a soffrire più del dovuto. Siamo secondi per occasioni da rete ma indietro per quelle sfruttate”.
 
 
FOTO BUZZI
Aggiungi commento