Truffa dalle "Spose di Andre", derubata la titolare

andrea_spose.jpgConcorezzo. Una spregevole truffa con la scusa di dover comprare un candido abito per un Battesimo. Mercoledì sera due malviventi sudamericani hanno derubato Andrea Anca Ariesan, 27 anni, titolare del negozio "Spose di Andre" di via Libertà 51, fingendosi interessati all'acquisto del vestito da cerimonia del figlio.

"Erano già passate le 19,30 - racconta la titolare a Concorezzo.org - Alla porta hanno suonato un uomo alto circa unmetro e ottanta, con una giacca bianca e una donna un pò robusta, con un abito corto bianco e nero e dei collant neri. Tra di loro parlavano in spagnolo. Mi hanno chiesto di mostrare loro degli abiti per un bambino di 5 ani per il battesimo, particolare che mi è suonato subito strano considerata l'età... Poi la donna mi ha chiesto di farle vedere anche gli abiti da bambina e in quel momento ho perso di vista l'uomo. Poco dopo mi hanno detto che sarebbero tornati con la bambina per le prove del vestito e se ne sono andati".

Solo a quel punto la titolare ha notato che dalla scrivania era sparito il telefono cellulare.  Poco dopo un complice si è presentato alla porta per far perdere tempo e consentire ai due di scappare. "Sono stati sicuramente loro a rubarmi il cellulare - si sfoga Andrea - Prima che entrassero stavo scrivendo un messaggio, ho appoggiato il telefono per servirli e poco dopo il cellulare non c'era più...".

Leggi anche

Campus Augustus, in "vacanza-studio" con la Protezione civile

Protagonista in tv da Gerry Scotti in "caduta libera"

Sono tornati i ladri di pneumatici: "cannibalizzata" una Opel Corsa

Lite tra padre e figlio, intervengono due gazzelle dei carabinieri

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI