"Salvini gay", il fronte del sì si scopre omofobo

vandali4.pngConcorezzo. "Salvini gay". Si chiude con una parentesi inaspettatamente folcloristica (e deplorevolmente omofoba) la campagna referendaria in città: se il confronto pre-urne era stato piuttosto garbato e conciliante, la vittoria del "no"deve aver fatto saltare i nervi a qualcuno. L'altra notte, infatti, anonimi (che potrebbero essere individuati grazie alle nuovetelecamere comunali) hanno imbrattato i cartelloni elettorali che,già in precedenza, erano stati abusivamente coperti con giganteschi manifesti a comporre la scritta "NO! Grazie Concorezzo". Solo che in questo caso l'utilizzo di vernice spray ha danneggiato i manufatti comunali e potrebbe configurarsi un reato. Di pessimo gusto anche le scritte di colore rosso: "Salvini gay", "Lega Merda" e un simbolo fallico con la scritta "Usa il preservativo". Indagini in corso.

Leggi anche

Cratere in via Dante, cercasi responsabile: e il Comune paga

Anche Concorezzo ha detto no alla riforma

Messaggio in bottiglia dal Brasile: cerco i miei antenati Meregalli

Calcio, manita biancorossa nel derby della brianza

vandali1.jpg

vandali2.jpg

Commenti   
0 #1 Gionny 2016-12-08 13:28
Che piccioni. Da persone limitate non puoi che aspettarti questo tipo di insulti...
Al limite avrebbero potuto mettere un manifesto con scritto: "Salvini la tua sedia in Europa è sempre vuota!!! Parli troppo e razzoli male..."
Aggiungi commento