Slider

La Saugella condanna la Millenium alla Serie A2

murodanesi.jfif

SAUGELLA MONZA-BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA 3-1
 
Nell’ultima giornata di regular season la Saugella piega per 3-1 la Banca Valsabbina Millenium Brescia condannandola alla retrocessione in Serie A2. L’allenatore delle monzesi Marco Gaspari ha approfittato del fatto che le sue ragazze si fossero già matematicamente qualificate ai play-off scudetto col terzo posto per far giocare il più possibile le seconde linee, in considerazione del “tour de force” che sta affrontando il gruppo rosablù in queste settimane tra campionato, CEV Cup e, a breve, Coppa Italia. La Saugella ha dunque chiuso la regular season casalinga (c’è infatti da disputare il recupero della nona giornata a Scandicci domenica 7 marzo) dietro Imoco Volley Conegliano e Igor Gorgonzola Novara: le venete sono l’unica squadra che è stata capace di espugnare l’Arena di Monza, ma del resto hanno vinto tutte le partite della stagione.
 
Contro la squadra dell’“ex” Nicoletti, che nel finale di campionato è stata guidata da Stefano Micoli, subentrato all’ex allenatore della Saugella, Enrico Mazzola, “coach” Gaspari ha lasciato a riposo la schiacciatrice Orthmann, schierando al suo posto Begic.
 
I primi due set sono stati equilibrati. Nel primo hanno vinto le padrone di casa 25-23 nonostante la pessima performance in ricezione (52% contro il 73% delle avversarie). Le bresciane sono state alquanto carenti in attacco, dove solo Jasper con 6 punti ha ben figurato (saranno ben 18 i suoi punti a fine match). La Saugella era riuscita a scappare (18-13) ma le “leonesse” hanno lottato raggiungendo la parità (22-22). Lo spunto finale è però delle locali.
 
Nel secondo set le brianzole si rilassano in attacco e in particolare Van Hecke scende alla bassissima percentuale del 16%. Jasper e Angelina trascinano le bresciane a un insperato successo parziale per 25-20. Già in vantaggio per 3-7 le ospiti si fanno acciuffare, ma il break decisivo arriva quando Veglia firma 3 ace portando il punteggio sul 15-18. I cambi di Gaspari nel finale non fermano la fuga delle gialloblù.
 
Davyskiba resta in campo nel terzo set per Meijners e ripaga la fiducia con 6 punti, mentre la squadra tracolla in ricezione assieme però all’attacco delle bresciane (42% a 23% per la Saugella). L’inizio è un’ipoteca sulla frazione di gioco, con le rosablù che si portano sul 6-0 e poi sull’8-1. Sul 16-10 due punti di Jasper e Bechis, inframmezzati da una schiacciata fuori di Davyskiba, fanno sperare le “leonesse”, ma proprio la bielorussa firma i primi 3 dei 9 punti consecutivi delle locali che schiantano la resistenza delle avversarie.
 
L’ultimo set è “double-face”: le rosablù, con Davyskiba confemata e Obossa in campo al posto di Van Hecke, fuggono fino al 20-10 sospinte da una scatenata Danesi (Mvp del match), salvo poi entrare troppo presto negli spogliatoi permettendo l’ultimo disperato tentativo di evitare la retrocessione da parte delle bresciane. Trascinate da Nicoletti e Jasper, e con qualche errore di troppe delle numerose riserve inserite da Gaspari, dimezzano subito lo svantaggio e successivamente si portano a -2 (24-22), ma un muro di Obossa stronca le speranze.
 
Mercoledì la Saugella giocherà in Serbia contro la Tent Obrenovac la gara di ritorno delle semifinali di CEV Cup. Si partirà dal 3-0 per le rosablù della gara di andata.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
Aggiungi commento