monza

napoli.jpg

NAPOLI-MONZA 4-0
 
Nella prima trasferta di Serie A della sua storia il Monza è incappato in una sconfitta (prevista) ma pesante (insperata più che imprevista). Contro il Napoli allenato da Luciano Spalletti e che coi nuovi innesti può puntare ancora a vincere lo scudetto i biancorossi di Giovanni Stroppa hanno fatto, ahinoi, una brutta figura, non solo per i 4 gol subiti, ma per la quantità di errori tecnici commessi, che hanno messo in evidenza quanto sia lontano l’obiettivo del decimo posto, che era più una dichiarazione da esperti di marketing che da esperti di calcio. Questo Monza così come è farà molta fatica e il rischio di non salvarsi è altissimo. I nuovi acquisti, tra infortuni, mancanza di forma e “flop”, non stanno trasformando la squadra da terza di Serie B a “mina vagante” di Serie A, com’era nell’auspicio dei tifosi. Oggi hanno sbagliato tutti, dal portiere agli attaccanti, passando per difensori e centrocampisti. Urgono rinforzi ma urge anche trovare delle nuove soluzioni di gioco perché a sfidare gli altri nel possesso palla ci si rimetterà quasi sempre le penne. Non siamo solo in un’altra categoria, ma in un’altra dimensione.
 
Oggi Stroppa non ha avuto a disposizione gli infortunati Carlos Augusto, Pablo Marì e Mota, i primi due titolari rimpiazzati rispettivamente da Carboni e Andrea Ranocchia.
 
La partenza del Napoli è bruciante, come del resto ci si attendeva. Al 2’ un sinistro di Lozano va fuori di poco. Al 6’ è invece un colpo di testa di Kim a sorvolare la traversa di non molto. 3’ dopo Osimhen anticipa Di Gregorio di testa ma manda alto. Il centravanti azzurro ci riprova al 14’: Di Gregorio para in due tempi. Il Monza si fa vivo al 22’ con un sinistro debolissimo di Filippo Ranocchia bloccato agevolmente da Meret. Poi al 31’ un destro di Sensi sfila a lato. Al 35’ è però il Napoli a passare in vantaggio grazie a Kvaratskhelia che recupera un pallone poco fuori dall‘area (con la complicità di un incerto Filippo Ranocchia) e con un magnifico destro a giro batte Di Gregorio. 2‘ dopo Osimhen spara alto dal limite a conclusione di un contropiede. Il Monza risponde con una rasoiata dalla distanza di Birindelli che finisce a lato. Al 42’ Marlon recupera miracolosamente su Osimhen lanciato a rete. Proprio al 2’ dei 3’ di recupero il nigeriano però trafigge Di Gregorio sfruttando l’assist di Anguissa.
 
All’intervallo Stroppa è costretto a sostituire D’Alessandro con Molina causa problena all’adduttore. E siccome la sfortuna ci vuole mettere molto del suo al 3’ della ripresa anche Andrea Ranocchia deve uscire per una distorsione alla caviglia venendo sostituito da Antov. Il Napoli continua a dettare legge e al 9’ un colpo di testa di Osimhen passa alto di poco. Valoti rileva Filippo Ranocchia però al 17’ i partenopei chiudono la partita con un’azione personale di Kvaratskhelia che gonfia la rete con un rasoterra. Al 23’ il Monza andrebbe anche in gol con un’incornata dell’ex azzurro Petagna ma l’arbitro lo annulla dopo essere stato richiamato dal Var per una presunta gomitata del centravanti. Al 38’ Colpani e Gytkjaer vengono gettati nella mischia per Birindelli e Petagna, ma è ancora il Napoli a trafiggere la retroguardia brianzola con Kim nel 3’ dei 6’ di recupero.
 
Il Monza tornerà a giocare all’U-Power Stadium: venerdì alle ore 18.30 arriverà l’Udinese e per la squadra di Stroppa sarà necessario muovere la classifica, anche per il morale. Un’altra sconfitta dopo quelle col Torino in casa e di oggi allo stadio Maradona potrebbe pure far traballare la panchina, soprattutto se il gioco continuasse a mostrare carenze anche dal punto di vista tattico, con elementi inidonei schierati lo stesso in campo.
*/ ?>

Sport

napoli.jpg

Il Napoli travolge il Monza alla sua prima trasferta di A

NAPOLI-MONZA 4-0   Nella prima trasferta di Serie A della sua storia il Monza è incappato in una sconfitta (prevista) ma pesante (insperata più che imprevista). Contro il Napoli allenato da Luciano Spalletti e che coi nuovi innesti può puntare ancora a vincere lo scudetto i biancorossi di Giovanni Stroppa hanno fatto, ahinoi, una brutta figura, non solo per i 4 gol subiti, ma per la qu

Acquaworld Area esterna.jpgConcorezzo. Con il ponte del 2 giugno arriva l’estate ad Acquaworld, l’unico parco acquatico al coperto e all’aperto d’Italia.  

Riapre l’ampia area esterna con vasche, idromassaggi e zone relax dove potersi abbandonare alla tintarella per poi rinfrescarsi immergendosi in una delle tante piscine. 20.000 metri quadrati suddivisi tra area fun e area benessere, 12 vasche e 11 scivoli con una lunghezza complessiva di oltre 1,1 km, per vivere momenti di straordinario divertimento.

Inoltre, a stuzzicare l’appetito, oltre al Chiringuito che ti fa sentire subito vacanza, tra piatti sfiziosi, ed esotici cocktail da gustare comodamente seduti ai tavolini ombreggiati o sdraiati al sole, si aggiunge lo Street Food. Quattro giornate all'insegna del buon cibo di strada di qualità e del divertimento!

Cosa aspetti a prenotare una giornata indimenticabile?

Utile da sapere: 

Apertura: dalle 10.00 alle 20.30

Come Raggiungere Acquaworld

In auto: 

da Milano: prendere la tangenziale est in direzione Lecco, uscita Dogana di Concorezzo  

da Bergamo: prendere autostrada A4, direzione Milano, uscita Agrate 

Con i mezzi pubblici:

dalla fermata metro Cologno Nord (M2 Verde), prendere l’autobus Z 323 per Vimercate e scendere a Concorezzo fermata Malcantone 

dalla stazione di Monza, prendere l’autobus Z 321 per Trezzo e scendere a Concorezzo fermata Malcantone

Come acquistare i biglietti: è possibile acquistare biglietti e abbonamenti sul sito di Acquaworld. 

A proposito di Acquaworld

Aperto nel 2011, Acquaworld, è un parco acquatico e benessere unico in Italia con i suoi 20.000 metri quadrati di superficie, tra aree coperte e scoperte, nove scivoli acquatici super divertenti, piscine e vasche idromassaggio con acqua sempre calda e, in estate, un grande giardino con sdraio, lettini e ombrelloni. Il Parco è diviso in diverse aree: Benessere, Fun, Scivoli, Miniworld ed è costruito in modo tale da poter accogliere tutti gli ospiti con disabilità che potranno spostarsi autonomamente grazie all’uso di ascensori, rampe e montascale; sono inoltre a disposizione spogliatoi dedicati. Dall’agosto 2020 è proprietà Pillarstone Italy, la piattaforma fondata nel 2015 da KKR per supportare le banche italiane nella gestione delle proprie esposizioni verso asset non core e underperforming attraverso il miglioramento della performance e del valore dei business sottostanti. In tale strategia si colloca il piano di sostegno del fondo, con l’obiettivo di rilanciare il Parco sviluppandone le elevate potenzialità, offrendo ai clienti una esperienza di qualità anche attraverso l’introduzione di nuove attrazioni. 

Sito web: https://acquaworld.it/it

Seguici anche su Facebook: https://www.facebook.com/acquaworld/

Instagram: https://www.instagram.com/acquaworld_ufficiale/

 

*/ ?>

redazionali

Acquaworld Area esterna.jpg

Il ponte del 2 giugno nel "mare" della Brianza

Concorezzo. Con il ponte del 2 giugno arriva l’estate ad Acquaworld, l’unico parco acquatico al coperto e all’aperto d’Italia.   Riapre l’ampia area esterna con vasche, idromassaggi e zone relax dove potersi abbandonare alla tintarella per poi rinfrescarsi immergendosi in una delle tante piscine. 20.000 metri quadrati suddivisi tra area fun e area benessere, 12 vasche e 11 scivoli con una lunghezza complessiva di oltre 1,1 km

AW_vista interna.jpegConcorezzoAcquaworld, l’unico Parco acquatico al coperto e all’aperto d’Italia, ti aspetta per festeggiare il ponte del 2 giugno con una straordinaria animazione: uno staff di professionisti saprà coinvolgere grandi e piccini con giochi, balli di gruppo e quiz in acqua, dentro e fuori dalla grande piscina a onde. Il divertimento sarà il protagonista indiscusso.

Ad Acquaworld che splenda il sole o che piova a dirotto poco importa! Con i suoi 20.000 metri quadrati, 9 scivoli acquatici super divertenti e adrenalinici, una grande vasca a onde, piscine e vasche idromassaggio con acqua sempre riscaldata a 31° e una grande area esterna con sdraio, lettini e ombrelloni, il divertimento è assicurato, anche quando il tempo è ballerino!

E mentre i più piccoli si divertono tra onde e scivoli, i grandi potranno godersi momenti di assoluto relax all’interno dell’area Benessere, tra sauna, bagno turco, stanza del sale, cerimonie di benessere, frigidarium e grotta del temporale che, con gli scrosci d'acqua di un caldo temporale estivo, sarà capace di condurre la mente in luoghi lontani e paradisiaci. 

Orari di apertura: dalle 10.00 alle 20.00

Prevendita: https://acquaworld.it/it/ilparco/acquistabiglietti

AW_scivolo 1.jpg

 

*/ ?>

redazionali

AW_vista interna.jpeg

Il ponte del 2 giugno? Al parco acquatico

Concorezzo. Acquaworld, l’unico Parco acquatico al coperto e all’aperto d’Italia, ti aspetta per festeggiare il ponte del 2 giugno con una straordinaria animazione: uno staff di professionisti saprà coinvolgere grandi e piccini con giochi, balli di gruppo e quiz in acqua, dentro e fuori dalla grande piscina a onde. Il divertimento sarà il protagonista indiscusso. Ad Acquaworld che splenda il sole o che piova a dirotto poco importa!

marco_centro_danza.JPGConcorezzo. Si terranno sabato a Monza, alle 15, nella chiesa di Cristo Re, i funerali di Marco Mainardi, strappato alla vita a soli 21 anni dopo aver lottato fin da piccolo con una serie di gravi problemi cardiaci. Sono stati giorni di dolore e affetto quelli che hanno accompagnato la tragica notizia fino alle ore più prossime all'ultimo saluto. Ore in cui la cancellata del Centro Danza di via Cantù, fondato e gestito dalla mamma di Marco, Laura Colombo, si è riempito di commoventi messaggi d'amore e di vicinanza di tanti  bambini cresciuti nella scuola di danza. "In mezzo al dolore e alla disperazione di questo momento ci sono loro, le piccole danzatrici che con la loro presenza vogliono ancora dare un po' di speranza per il domani durissimo che vi attende.... Ci sono cuori, disegni e frasi che solo la purezza e la gioa di un bambino sono ancora in grado di dare per scaldare un po' questa vita che a volte è davvero gelida", ha scritto un genitore commentando la foto dei cancelli della scuola danza impreziositi da messaggi e disegni. E poi c'è quell'invito spontaneo e naturale della famiglia di Marco a fare donazioni all'Abio, l'associazione che si occupa di bambini e adolescenti in ospedale. "Grazie Marco di aver voluto condividere con ABIO Brianza una parte della tua vita. Grazie di aver voluto fortemente essere un volontario ABIO. Sei uno di noi.... e quando entreremo nei reparti pediatrici, nella Pediatria del San Gerardo dove anche tu hai operato per un anno, nel nostro sorriso ci sarà anche un po' del tuo sorriso", hanno scritto i volontari. Piccoli, grandi gesti d'amore che provano a colmare almeno in parte il vuoto di una partenza troppo prematura.

Ciao Marco, grazie per l'intensa lezione di vita

marco_mainardi.jpg

*/ ?>

Cronaca

marco_centro_danza.JPG

Il saluto a Marco con quei cuori appesi al cancello e un pensiero all'Abio

Concorezzo. Si terranno sabato a Monza, alle 15, nella chiesa di Cristo Re, i funerali di Marco Mainardi, strappato alla vita a soli 21 anni dopo aver lottato fin da piccolo con una serie di gravi problemi cardiaci. Sono stati giorni di dolore e affetto quelli che hanno accompagnato la tragica notizia fino alle ore più prossime all'ultimo saluto. Ore in cui la cancellata del Centro Danza di via Cantù, fondato e gestito dalla mamma d

djuricricci.jpg

TORINO-MONZA 1-0
 
La serie positiva del Monza di 4 vittorie in 5 incontri si ferma allo Stadio Olimpico Grande Torino al termine di un incontro che ha lasciato qualche perplessità sull’arbitraggio, apparso nel secondo tempo troppo severo con la formazione brianzola, punita con un rigore di quelli definibili generosi e successivamente con l’espulsione del capitano Pessina, reo di aver commesso un fallo a centrocampo anch’esso molto discutibile.
 
La prestazione dei biancorossi allenati da Raffaele Palladino è stata nel complesso positiva, fatte salve le solite sbavature in difesa e il ritorno alla mancanza di concretezza nel reparto offensivo. Certo è che contro Napoli, Bologna e Atalanta, ossia le prossime avversarie in calendario, serviranno prestazioni di livello superiore a quella odierna se si vorrà portare a casa qualche punto e continuare a sognare la qualificazione alle coppe europee.
 
Per la sfida contro i piemontesi Palladino, che non ha potuto disporre degli squalificati Gomez e Bondo e degli infortunati Caprari, Vignato, D’Ambrosio, Bettella e Machìn, ha proposto, rispetto al match vinto contro il Cagliari, a centrocampo Gagliardini per Bondo e Akpa-Akpro per Pessina, a sua volta avanzato sulla tre quarti per Maldini, comunque preferito a Mota sulla sinistra. Il Torino allenato da Ivan Juric era privo degli infortunati Schuurs, Djidji, Ilic e Gineitis.
 
Davanti ai 24286 spettatori dello Stadio Olimpico Grande Torino, di cui circa 800 di fede biancorossa, la partita si infiamma subito, prima per un cross pericoloso da parte granata e poi per un sinistro rasoterra di Colpani bloccato da Milinkovic-Savic. Sembra il preludio a un primo tempo scoppiettante e invece, a parte qualche altro cross insidioso della squadra di casa, non succede praticamente nulla. Si segnala solo al 35’ un bel sinistro dal limite di Colpani deviato in corner da Ricci.
 
Il Torino scende in campo nel secondo tempo con ben altra determinazione, anche se il primo portiere a essere impegnato è Milinkovic-Savic al 5’: Andrea Carboni svetta su un cross di Colpani e di testa manda la sfera troppo centralmente per impensierire l’estremo difensore dei piemontesi. Poi il match diventa un assolo granata: al 7’ Di Gregorio salva la porta su un’inzuccata di Buongiorno e nel prosieguo dell’azione Vlasic scarica un violento diagonale che passa a lato. 1’ dopo Okereke entra in area e costringe Di Gregorio al tuffo per deviare la sfera indirizzata nell’angolino alla sinistra del portiere. All’11’ Palladino sostituisce Andrea Carboni e Maldini con Pedro Pereira e Mota. Proprio il portoghese 2’ dopo crossa per Djuric che di testa manda a lato di poco. Mentre la pressione del Toro si riduceva sempre più Pessina commette un fallo ingenuo su Ricci in area e l’arbitro non ha esitazione a decretare il calcio di rigore, che Sanabria trasforma. Fanno il loro ingresso in campo Caldirola e Valentin Carboni per Akpa-Akpro e Colpani e il Monza passa al 3-4-3. Al 30’ una conclusione di Ricci è bloccata in due tempi da Di Gregorio. 2’ più tardi il Monza resta pure in dieci per l’espulsione di Pessina dovuta al secondo cartellino giallo rimediato per un presunto fallo a centrocampo ancora su Ricci. La gara a questo punto si incanala verso la vittoria della squadra dei casa, che non riesce comunque a raddoppiare né al 41’, quando un gran destro di Zapata viene respinto in tuffo da Di Gregorio, né al 50’, quando Sanabria approfitta dello sbilanciamento biancorosso per involarsi a tu per tu con Di Gregorio sparandogli, però, la sfera praticamente addosso. Resta alfine il tabù Torino sponda granata, dato che in 13 partite ufficiali il Monza non ha mai vinto nel capoluogo piemontese.
 
In sala stampa non si è presentato nessuno del Monza chiaramente per protesta nei confronti dell’arbitraggio. Per Juric “il Torino ha disputato un grande primo tempo, con un grande possesso palla, un grande dominio e tutto ciò è stato preparatorio per il secondo tempo. Oggi siamo stati superiori al Monza in tutto. Nelle ultime due partite contro di loro si erano verificate cose mai viste, mentre oggi le decisioni arbitrali sono state tutte giuste. Il Monza mi piace tanto per come gioca e per come i giocatori esperti sono miscelati coi giovani”.
 
Il Monza tornerà in campo domenica 7 aprile alle ore 15 ospitando all’U-Power Stadium il Napoli.
 
 
FOTO AC MONZA
*/ ?>

Sport

djuricricci.jpg

Il Torino batte il Monza tra le polemiche arbitrali

TORINO-MONZA 1-0   La serie positiva del Monza di 4 vittorie in 5 incontri si ferma allo Stadio Olimpico Grande Torino al termine di un incontro che ha lasciato qualche perplessità sull’arbitraggio, apparso nel secondo tempo troppo severo con la formazione brianzola, punita con un rigore di quelli definibili generosi e successivamente con l’espulsione del capitano Pessina, reo di aver commesso un fallo a centrocampo anch’esso

russare.jpgMonza. Si è tenuto sabato, all’interno dell’Auditorium CAM-Synlab di Monza, il convegno dal titolo "Sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS): novità diagnostiche e terapeutiche". Una tematica attuale, che ha interessato una platea di oltre cento Medici e Odontoiatri e che è stata affrontata sia sotto il profilo clinico che sociale, analizzando le possibili ripercussioni sulla salute pubblica. Durante il convegno, patrocinato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Monza e Brianza, qualificati relatori si sono succeduti nell’approfondire i risvolti legali, diagnostici e terapeutici (sia clinici sia chirurgici) di questa problematica.

La Sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS) è una patologia cronica di origine respiratoria, che si evidenzia tipicamente durante il sonno e che nel tempo innesca complicanze rischiose per la salute di chi ne è affetto e di coloro che per vari motivi, famigliari o lavorativi, sono a contatto con questi malati. Si pensi, per esempio, a quegli autisti di autobus, che, per via dei disturbi determinati dalle apnee nel sonno, non riescono a recuperare durante la notte un completo stato di riposo, con conseguente appannamento dei riflessi diurni in ambito lavorativo. Secondo gli studi più recenti, questa patologia è molto frequente: il 23% delle donne e il 50% degli uomini può presentare apnee ostruttive durante il sonno e non sono colpiti solo gli individui adulti, ma la patologia può evidenziarsi anche nel bambino, con altre e non meno gravi conseguenze.

Durante il convegno è stata sottolineata l’importanza di diffondere le informazioni relative a questa patologia purtroppo tanto comune quanto poco conosciuta. Oltre a Medici di Famiglia e specialisti di riferimento, l’informazione deve raggiungere il cittadino/paziente, in modo che non siano sottovalutati i primi sintomi di tale malattia. Tale esigenza è stata evidenziata anche da Enrico Brunello, che, con la onlus AIPAS (www.sleepapnea.it), offre supporto a chi è affetto da tale patologia.

Il CAM-Synlab di Monza ha attivato proprio quest’anno un ambulatorio dedicato alla Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS), nell’ambito del quale ci si prende cura di questi pazienti a 360°, grazie alla presenza di tutti gli specialisti coinvolti, ottimizzando i tempi ed l’efficacia dell’approccio terapeutico.


Leggi anche

Monza ricordi Pantani: il Giro nel nome del Pirata

Camminare alla scoperta delle foreste lombarde

Aria inquinata? Vertice in Comune con i carabinieri: subito un sopralluogo

Monza, polpette con puntine metalliche per uccidere i cani

 

*/ ?>

Dalla Brianza

russare.jpg

Il tuo compagno russa? L'apnea va curata

Monza. Si è tenuto sabato, all’interno dell’Auditorium CAM-Synlab di Monza, il convegno dal titolo "Sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS): novità diagnostiche e terapeutiche". Una tematica attuale, che ha interessato una platea di oltre cento Medici e Odontoiatri e che è stata affrontata sia sotto il profilo clinico che sociale, analizzando le possibili ripercussioni sulla salute pubblica. Dur

camp.jpegConcorezzo. Dopo il successo dello scorso anno, JUMP IN! English Language School, la scuola di inglese Cambridge preparation centre certificata, propone anche per il 2017 il mini-SEPTEMBER CAMP dal titolo EXPLORERS OF THE WORLD.

QUANDO: si tratterà di una settimana, da Lunedì 4 Settembre a Venerdì 8 Settembre 2017.

DOVE: la mattinata si svolge presso la sede di Concorezzo in Via Dante 201, il l pomeriggio nel parco di Villa Zoja, per i giochi e le attività ludiche in inglese.

CHI: il Camp è pensato per bambini dai 6 ai 12 anni (1^ elementare – 2^ media).

GRUPPI: per questo piccolo Camp si pensa di accogliere massimo 15 studenti (con oscillazioni di poche unità) organizzati in due gruppi. Come sempre, ogni gruppo avrà un’insegnante dedicata.

ORARI: dalle 8:30 (con ingresso flessibile sino alle 9:00) alle 16:30 (uscita flessibile dalle 16:00).

OBIETTIVI e DAILY ROUTINE: Nel corso della mattinata sono organizzate interessanti attività di laboratorio in lingua inglese che faranno vestire agli iscritti i panni di ricercatori, giornalisti, studiosi della storia antica e moderna esplorando gli 'English Speaking Countries' (Paesi di lingua inglese). Per condurre gli studi saranno utilizzate fonti on-line, interviste (le insegnanti presenti hanno vissuto a lungo negli USA e in Australia), libri. Le produzioni, sia orali che scritte, saranno tutte in lingua inglese.

PASTI: Tutti i pasti saranno self-catering, sarà a disposizione degli studenti acqua, forno a microonde per riscaldare le pietanze e piccoli snack.

MATERIALE DIDATTICO: incluso nella quota corso.

ASSICURAZIONI: incluse nella quota di iscrizione.

QUOTA DI ISCRIZIONE: 20€ a partecipante (la quota sarà valida per un anno intero e per ogni attività che verrà organizzate nel corso del 2017-2018) ed è destinata alla copertura assicurativa. La quota è gratuita per coloro i quali si siano già pre-iscritti alle nostre attività annuali o abbiamo preso parte al Summer Camp (26 giugno-7 Luglio).

QUOTA CORSO: 160 €/settimana

Info e contatti (clicca qui)

english.jpg

 

*/ ?>

Cultura

camp.jpeg

Imparare l'inglese divertendosi: ecco il September Camp

Concorezzo. Dopo il successo dello scorso anno, JUMP IN! English Language School, la scuola di inglese Cambridge preparation centre certificata, propone anche per il 2017 il mini-SEPTEMBER CAMP dal titolo EXPLORERS OF THE WORLD. QUANDO: si tratterà di una settimana, da Lunedì 4 Settembre a Venerdì 8 Settembre 2017. DOVE: la mattinata si svolge presso la sede di Concorezzo in Via Dante 201, il l pomeriggio nel parco di Villa

bramini-2.jpg

Monza. Una vicenda che continua a sorprendere. Avrebbe dovuto andare a un noto imprenditore cinese la casa dell'imprenditore monzese di cui si è parlato per mesi, ma il collega ha deciso di rinunciare per solidarietà. La vicenda era balzata agli onori della cronaca all'inizio dell'anno. Sergio Bramini, settantenne monzese, nonostante il credito di 4 milioni di euro di euro nei confronti dello Stato, ha dovuto dichiarare fallimento e ora ha perso non solo il lavoro a cui aveva dedicato tutta la vita ma anche la sua casa. L'uomo, che lavora in campo dei rifiuti, vantava un credito di diversi milioni di euro nei confronti della pubblica amministrazione in Calabria e in Sicilia ma questi soldi non sono mai arrivati. E così è iniziato un incubo. Accanto al monzese di erano schierati gli attuali leader di governo.Ma non ci fu nulla da fare. La villa con 30 stanze, parco, piscina e posti auto  è stata messa all'asta per 667mila euro,meno della metà del suo valore. Venerdì scorso Federico Zheng, titolare di diversi centri commerciali della Brianza, si è aggiudicato la lussuosa residenza per più di 500 mila euro, un terzo del valore pieno di mercato. Se da un lato Bramini è pronto a fare ricorso, lo stesso Zheng è pronto a ritirare la sua offerta. Pare infatti che appresa la vicenda legaa a quell'immobile, abbia ritenut di fare un passo indietro per "solidarietà fra colleghi". A patto che la penale di 50mila euro la paghi il monzese... 

*/ ?>

Dalla Brianza

bramini-2.jpg

Imprenditore cinese "rifiuta" la casa del collega sfrattato

Monza. Una vicenda che continua a sorprendere. Avrebbe dovuto andare a un noto imprenditore cinese la casa dell'imprenditore monzese di cui si è parlato per mesi, ma il collega ha deciso di rinunciare per solidarietà. La vicenda era balzata agli onori della cronaca all'inizio dell'anno. Sergio Bramini, settantenne monzese, nonostante il credito di 4 milioni di euro di euro nei confronti dello Stato, ha dovuto dichiarare fallimento e ora ha p

 

hrc2015.jpg

Concorezzo. È il “main sponsor” la prima grande novità dell’Hockey Roller Club Monza 2015/16. Per la prima volta dalla sua fondazione la società cittadina di hockey su pista abbinerà il suo nome a quello di un marchio commerciale, riprendendo dunque una consuetudine che aveva fatto del capoluogo della Brianza la capitale italiana della disciplina a rotelle.

Sulle maglie della compagine biancorossoazzurra neopromossa in Serie A1 comparirà il marchio Centemero Officina Meccanica, identificativo della società Centemero Elivio di Giorgio e Marco Centemero, con sedi a Vimercate e, dal 2006, anche a Concorezzo.

L’azienda brianzola è da oltre cinquant’anni presente sul mercato come officina meccanica di precisione nel campo delle lavorazioni di fresatura, tornitura e foratura a controllo numerico per conto terzi.

Grande soddisfazione è espressa per l’accordo raggiunto da parte del presidente dell’HRC Monza, Andrea Brambilla: “La famiglia Centemero è la prima che ha deciso di accostare il proprio nome a quello della nostra società, che rappresenta ai vertici uno sport alternativo a quelli più popolari, con un target ben definito in quanto strettamente legato alla grande tradizione rotellistica del nostro territorio. L’hockey su pista è lo sport che ha storicamente dato più titoli al capoluogo della Brianza e siamo felici che sia stata proprio una famiglia brianzola a decidere di sostenere con fiducia la nostra società, che ha obiettivi ambiziosi già nel medio periodo. Ringraziamo i Centemero e ne approfittiamo per ringraziare anche tutti gli altri sponsor che ci daranno una mano per affrontare la prossima stagione agonistica, la prima nella massima serie. A loro, e a chi si aggiungerà alla nostra famiglia sportiva nei prossimi mesi, diciamo che Monza ha le possibilità di tornare a breve ad alti livelli in questa spettacolare disciplina che è l’hockey su pista”. 

Giorgio Centemero, amministratore delegato della società Centemero Elivio di G. & M., spiega così la firma del contratto per l’importante sponsorizzazione, che è di durata annuale rinnovabile: “Abbiamo deciso di intraprendere un percorso di abbinamento con l’Hockey Roller Club Monza per una serie di motivi. In particolare c’è stata sintonia sulla volontà di entrambe le parti di rappresentare la Brianza da Serie A, quella che vuole essere da esempio trainante per l’economia e lo sport del territorio. E poi ci è piaciuto il programma sportivo che ci è stato proposto, di continua crescita per arrivare presto ai vertici nazionali e continentali. Se in due anni di vita sono state scalate due categorie significa che competenza e ambizione non difettano e noi non vogliamo far mancare gli stimoli per raggiungere quegli alti traguardi che tutti sogniamo. Intanto auguriamo all’HRC Monza i migliori risultati per la stagione 2015/16”. 

Centemero Monza sarà dunque il nome della squadra iscritta al prossimo campionato di Serie A1, la cui regular season prenderà il via sabato 3 ottobre alle ore 20.45 e si concluderà il 16 aprile con cinque soste (26 dicembre, 2 gennaio, 27 febbraio, 19 marzo, 26 marzo) e due turni infrasettimanali (martedì 8 dicembre e martedì 9 marzo). I play-off inizieranno sabato 23 aprile e si concluderanno al più tardi sabato 28 maggio. La Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio ha elaborato il calendario ufficiale, che vedrà il Centemero Monza incontrare nelle prime quattro giornate squadre classificatesi nei primi sei posti dell’ultima regular season. L’esordio sarà in casa dei vicecampioni d’Italia del CGC Viareggio. Il primoappuntamento al PalaRovagnati di Biassono è per il 10 ottobre, quando sarà ospitato il Bassano. Seguiranno due trasferte molto impegnative a Breganze e a Valdagno. Il derby lombardo dell’hockey per antonomasia, quello contro l’Amatori Wasken Lodi, è in programma al PalaCastellotti il 21 novembre, mentre la gara di ritorno in Brianza il 5 marzo. I campioni d’Italia del Forte dei Marmi li si potrà ammirare il 2 aprile. La settimana dopo sarà la volta dell’altro derby regionale casalingo col Pieve010. Si chiuderà il 16 aprile a Follonica, sperando di festeggiare qualcosa…

Il calendario completo della Serie A1 2015/16 è visionabile a questo indirizzo web: http://www.fihp.org/…/comunicati-…/category/185-2015-16.html 

 

*/ ?>

Sport

hrc2015.jpg

In A1 con l'Hockey Roller Monza anche un po' di Concorezzo

  Concorezzo. È il “main sponsor” la prima grande novità dell’Hockey Roller Club Monza 2015/16. Per la prima volta dalla sua fondazione la società cittadina di hockey su pista abbinerà il suo nome a quello di un marchio commerciale, riprendendo dunque una consuetudine che aveva fatto del capoluogo della Brianza la capitale italiana della disciplina a rotelle. Sulle maglie della compagine biancorossoazzurra neopromossa in Serie A

REmi ed Elliott nel box con famiglia-fb--89.jpgMonza. Solidarietà a 360 gradi. Insieme alle migliaia di donne e bambini ucraini accolti in Italia, la Brianza ha trovato spazio anche per tre gatti scampati alle bombe russe.

Remi, Elliott e Basho sono tre gattoni arrivati venerdì 11 marzo al Parco Canile-Gattile di Monza. 

Per giungere fino a noi hanno percorso migliaia di chilometri, moltissimi dei quali con il pericolo di essere bombardati. Perché questi tre mici hanno viaggiato chiusi nei loro trasportini, tra le braccia della loro proprietaria dalla lontana Kyiv, circondata dall'esercito russo.

Iryna, la loro mamma umana, li aveva salvati dalla strada quando erano molto piccoli e aveva dato loro una casa sicura, affetto e cure. Ma Iryna ha dovuto abbandonare tutto in cerca di salvezza insieme ad altri milioni di Ucraini in fuga.

Un viaggio lungo e pericoloso

Con un viaggio pieno di pericoli durato tre giorni sono riusciti ad arrivare tutti in Romania dove Alex, il figlio di Iryna, è riuscito a trovarli e a portarli verso l'Italia.

Nel nostro paese la famiglia ha trovato ospitalità presso parenti a Lissone (MB), ma purtroppo non è stato possibile accogliere anche gli animali. E così Remi (affascinante gattone tutto nero), Elliott (bellissimo micio tigrato grigio) e Basho (stupendo micione tigrato rosso) hanno trovato casa nel rifugio di Monza gestito dall'ENPA. 

Qui sono già stati visitati dal veterinario ATS Brianza per la loro regolarizzazione sanitaria.

Finalmente al sicuro!

I tre gatti dopo un comprensibile momento di incertezza hanno preso possesso della loro nuova casa, dimostrando di apprezzare la sistemazione e le cure che i volontari dell'ENPA di Monza hanno immediatamente prestato loro.

I gatti potranno ricevere le visite di Iryna e della sua famiglia che hanno manifestato un incredibile amore e dedizione verso questi animali e non li hanno abbandonati al loro destino.

Un esempio, questo, che dovrebbe far riflettere, e vergognare, quelle persone pronte ad abbandonare gli animali per i più futili motivi.

 

*/ ?>

Dalla Brianza

REmi ed Elliott nel box con famiglia-fb--89.jpg

In Brianza anche tre gatti ucraini salvati dalle bombe

Monza. Solidarietà a 360 gradi. Insieme alle migliaia di donne e bambini ucraini accolti in Italia, la Brianza ha trovato spazio anche per tre gatti scampati alle bombe russe. Remi, Elliott e Basho sono tre gattoni arrivati venerdì 11 marzo al Parco Canile-Gattile di Monza.  Per giungere fino a noi hanno percorso migliaia di chilometri, moltissimi dei quali con il pericolo di essere bombardati. Perché questi tre mici hanno viaggiato chi

carabinieri.jpgMonza. A scuola di legalità. Il progetto, che vede l’Arma dei Carabinieri impegnata presso gli Istituti Scolastici, ha portato nei giorni scorsi i militari della Compagnia di Monza ad incontrare studenti di diverse fasce d’età. Una lezione diversa, in cui gli scolari hanno potuto confrontarsi con i Carabinieri su argomenti quali la legalità, il rispetto dell’altro, i valori della comunità. Fra i temi trattati, perfettamente in linea con la legge 92/2019 che ha reintrodotto l'obbligo di educazione civica in ogni scuola di ordine e grado, sono stati affrontati i pericoli derivanti dall’uso di sostanze alcoliche o stupefacenti, la sicurezza stradale, il bullismo, il cyberbullismo e la violenza di genere.

Proprio sul cyberbullismo si sono concentrati numerosi interventi da parte degli studenti, avvezzi all’uso della tecnologia e dunque particolarmente vicini al tema. I giovani sono stati resi edotti sulle conseguenze che un fenomeno del genere può suscitare sulla salute psicologica delle vittime, nonché sugli aspetti sanzionatori, anche a seguito delle recenti novelle normative. Altro tema particolarmente d’interesse è stato quello della violenza di genere e dei crimini d’odio, che ha ingenerato molteplici domande, a testimonianza della viva partecipazione della platea.

Il contributo dell’Arma, che anche nel corso di quest’anno scolastico ha confermato la volontà di tenere conferenze nelle scuole sul tema della legalità, è stata particolarmente apprezzata da docenti, studenti e genitori. Numerosi sono gli inviti in tal senso che giungono alla Compagnia di Monza da diversi istituti del territorio, finalizzati a far aderire fin da subito le generazioni più giovani al mondo della legalità e del rispetto verso il prossimo.

*/ ?>

Dalla Brianza

carabinieri.jpg

In Brianza i carabinieri fanno anche educazione civica

Monza. A scuola di legalità. Il progetto, che vede l’Arma dei Carabinieri impegnata presso gli Istituti Scolastici, ha portato nei giorni scorsi i militari della Compagnia di Monza ad incontrare studenti di diverse fasce d’età. Una lezione diversa, in cui gli scolari hanno potuto confrontarsi con i Carabinieri su argomenti quali la legalità, il rispetto dell’altro, i valori della comunità. Fra i temi trattati, perfettamente in linea con

Monza. Parrucchieri ed estetisti sul piede di guerra dopo il calendario per il riavvio delle attività nella fase 2. "La maggioranza dei parrucchieri e degli estetisti rischia di non aprire più i battenti, altro che riavvio il primo giugno. Occorre subito ripensare l'agenda e intervenire urgentemente al sostegno economico di un settore pronto alla rivolta", spiega l'Unione Artigiani di Milano e di Monza-Brianza a proposito del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri presentato ieri sera. "Il calendario definito - commenta il segretario generale dell'Unione, Marco Accornero - è inutilmente penalizzante nei confronti di questo settore. Non si capisce l'accanimento nel costringere alla serrata migliaia di botteghe di parrucchiere, barbieri ed estetisti che già sarebbero pronti con appositi dispositivi e l'accorgimento di ricevere su appuntamento un cliente alla volta, sanificando i locali spesso. Sarebbero le medesime condizioni che si verificherebbero per altre attività per le quali si è concesso il riavvio già dal 4 maggio." I parrucchieri, spiega l'associazione, continuano a non lavorare ma pagano "costi fissi come affitti e bollette". Secondo Accornero, la soluzione urgente è quella di "consentirne la riapertura settimana prossima pur con regole stringenti o intervenire con provvedimenti di sostegno economico concreti. Attendere ancora più di un mese per far riavviare loro l'attività senza aiuto alcuno significa condannarli al fallimento e, prima ancora, assistere a un'autentica ribellione.

beauty-salon-2521943_1280.jpg

*/ ?>

Dalla Brianza

beauty-salon-2521943_1280.jpg

In Brianza parrucchieri ed estetisti sul piede di guerra

Monza. Parrucchieri ed estetisti sul piede di guerra dopo il calendario per il riavvio delle attività nella fase 2. "La maggioranza dei parrucchieri e degli estetisti rischia di non aprire più i battenti, altro che riavvio il primo giugno. Occorre subito ripensare l'agenda e intervenire urgentemente al sostegno economico di un settore pronto alla rivolta", spiega l'Unione Artigiani di Milano e di Monza-Brianza a proposito del Decreto della

orthmanncev.jfif

SAUGELLA MONZA-UB 3-1
 
Obiettivo raggiunto: la Saugella Monza è approdata alle semifinali di CEV Cup. Nel quarto di finale disputato oggi in gara unica all’Arena (a causa della pandemia di “coronavirus”) ha piegato l’Ub, capolista imbattuta del campionato serbo, per 3-1. Si è trattata della quattordicesima vittoria consecutiva in partite ufficiali delle ragazze rosablù. L’allenatore Marco Gaspari ha dovuto anche oggi fare a meno, per la terza volta di fila, della palleggiatrice titolare Orro (in panchina per onor di firma), ma Carraro ha fornito un’ottima prestazione, acquisendo personalità e mostrando maturità nella gestione dei palloni.
 
In un palazzetto dello sport tristemente deserto il match si ravviva subito per la partenza a razzo delle serbe, che approfittano di due errori in schiacciata di Orthmann e Van Hecke e poi tirano su un muro con Gligoric. Il gruppo brianzolo si scuote e raggiunge le avversarie sul 6-6, ma la compagine guidata da Vladimir Vasovic riallunga fino al 14-9 grazie soprattutto ai punti di Kecman. Van Hecke ferma l’emorragia con 2 attacchi, però le slave si mostrano attente a muro e in difesa mentre in schiacciata cercano e trovano la precisione, ingredienti che le conducono ad aggiudicarsi il primo parziale per 18-25.
 
L’avvio di secondo set è oltremodo preoccupante, con Vulin che schiaccia 3 palle per 3 punti. Gli schiaffi presi scuotono la Saugella e, complici i primi segnali di stanchezza delle serbe, che nell’ottavo di finale del giorno prima hanno disputato 5 set contro i 3 delle monzesi, l’inerzia del match si interrompe. Heyrman comincia a passare dal centro e Van Hecke si dà da fare sia dalla prima che dalla seconda linea nonché a muro. Sul 16-9 l’Ub abbozza un tentativo di rimonta con Vulin, autrice di 7 punti nella frazione (18 a fine gara come Orthmann), ma Van Hecke risponde con 9 punti di cui 2 alla fine, in schiacciata e a muro, per il 25-19 conclusivo.
 
Il terzo set inizia con in campo una pimpante Begic al posto di una spenta Meijners. Il parziale è devastante: 6-0 con ben 3 punti di Van Hecke (saranno 8 a fine frazione e 25 a fine match). Sul 12-8 si registra un altro strappo di 4 punti, con 2 ace di Orthmann. Nel finale risale in cattedra Heyrman con 4 punti (3 attacchi e 1 muro). Il punto del 25-14 lo firma Van Hecke.
 
L’andamento del quarto set non è molto diverso, con la Saugella che saluta l’Ub sull’1-1. Sul 6-4 c’è un altro “break” di 4 punti delle padrone di casa con 2 ace di Begic. Praticamente è la resa delle serbe: è Danesi a firmare il 25-18.
 
Nelle semifinali (gara di andata in Italia il 23 febbraio e ritorno il 2 marzo) le monzesi affronteranno un’altra formazione della Serbia, la Tent Obrenovac, attualmente seconda in campionato a 6 punti dall’Ub. Nell’attesa c’è da riprendere la marcia in Serie A1: la prossima avversaria è la più difficile perché è l’Imoco Volley Conegliano prima in graduatoria e imbattuta. La sfida è in programma sabato alle ore 20.45 e sarà trasmessa in diretta tv su Rai Sport.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

orthmanncev.jfif

In CEV Cup la Saugella vola alle semifinali

SAUGELLA MONZA-UB 3-1   Obiettivo raggiunto: la Saugella Monza è approdata alle semifinali di CEV Cup. Nel quarto di finale disputato oggi in gara unica all’Arena (a causa della pandemia di “coronavirus”) ha piegato l’Ub, capolista imbattuta del campionato serbo, per 3-1. Si è trattata della quattordicesima vittoria consecutiva in partite ufficiali delle ragazze rosablù. L’allenatore Marco Gaspari ha dovuto anche oggi fa

rettkemonza.jpg

ALLIANZ VERO VOLLEY-JEDINSTVO STARA PAZOVA 3-0
 
Si chiude con una facile vittoria per 3-0 la prima gara dell’Allianz Vero Volley nel Girone A di Champions League 2023/24. Le vicecampionesse d’Italia hanno piegato le campionesse di Serbia della Jedinstvo Stara Pazova, all’esordio assoluto nella competizione, in soli 74’ di gioco, lo stesso tempo che avevano impiegato per superare l’Uyba Volley Busto Arsizio nella prima di campionato. Le ragazze allenate da Marco Gaspari hanno disputato una buona prova, ma l’avversario, pur essendo primo nella Superlega serba a pari punti col Tent, non era abbastanza competitivo per considerarlo un test valido. Sono stati commessi degli errori di troppo, che andranno eliminati nelle sfide che conteranno in Serie A1, in Coppa Italia e nei prossimi match di Champions League, a cominciare da quello di martedì prossimo in casa delle vicecampionesse di Francia del Mulhouse Alsace, attualmente seconde in campionato a 2 punti dal Levallois Paris Saint-Cloud ma con 1 gara disputata in meno.
 
Rispetto alla partita persa domenica ad Assago contro la Prosecco Doc Imoco Conegliano il tecnico della squadra lombarda ha oggi proposto Prandi come palleggiatrice anziché Orro e la statunitense Rettke centrale invece di Candi. Si è giocato all’Opiquad Arena di Monza come ai bei tempi in cui la Pro Victoria targata Vero Volley disputava i propri incontri nella sua città. Gli spettatori registrati sono stati 1623.
 
Nel primo set l’Allianz è partita a razzo, portandosi sul 6-1, poi ha amministrato il vantaggio grazie a un attacco devastante (41% a 18% le percentuali in attacco delle due squadre a fine parziale). Sul 22-15 ci hanno pensato Candi ed Egonu con 2 schiacciate (7 punti nel parziale) a chiudere la frazione di gioco sul 25-15. Da segnalare l’opaco set di Sylla, che ha fatto registrare solo il 22% in ricezione e il 25% in attacco.
 
Nella seconda frazione di gioco si va a braccetto fino al 4-4, quindi l’Allianz spinta da Sylla si porta sul 14-8 con un attacco e un muro della rediviva schiacciatrice (7-0 il parziale del set tra le due squadre in questo fondamentale). La compagine allenata da Jovo Cakovic reagisce e con Osmajic e Marija Miljevic riduce a 4 le lunghezze di svantaggio (15-11), fin quando si riscatena Egonu (6 punti nel parziale) che con 3 attacchi chiude il set 25-16.
 
Nella terza frazione di gioco l’Allianz guadagna un buon margine (9-3) grazie a Daalderop (7 punti nel parziale), ma stavolta le serbe non crollano e, trascinate da Osmajic, un punticino alla volta si riportano a -1 (18-17). Due attacchi di Rettke e uno di Sylla ristabiliscono le giuste distanze e Daalderop ed Heyrman con un muro sigillano il set sul punteggio di 25-20.
 
Il premio di Mvp è stato assegnato a Egonu in virtù dei 19 punti messi a segno (47% in attacco), di cui 2 muri e 3 ace.
 
L’Allianz Vero Volley tornerà in campo domenica prossima alle ore 15.45 per il campionato in casa dell’Igor Gorgonzola Novara (diretta tv su Rai 2).
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

rettkemonza.jpg

In Champions League l'Allianz travolge le campionesse serbe

ALLIANZ VERO VOLLEY-JEDINSTVO STARA PAZOVA 3-0   Si chiude con una facile vittoria per 3-0 la prima gara dell’Allianz Vero Volley nel Girone A di Champions League 2023/24. Le vicecampionesse d’Italia hanno piegato le campionesse di Serbia della Jedinstvo Stara Pazova, all’esordio assoluto nella competizione, in soli 74’ di gioco, lo stesso tempo che avevano impiegato per superare l’Uyba Volley Busto Arsizio nella prima di c

deandre1.jpgConcorezzo. L'Assessorato alla Cultura del comune di Concorezzo propone un concerto omaggio a Fabrizio de André realizzato dal gruppo degli Ottocento. Un concerto dedicato al cantautore genovese attraverso i brani più conosciuti e altri meno noti che avvicineranno il pubblico ai suoni e alle atmosfere racchiuse nei suoi album. Il gruppo degli Ottocento deve il suo nome a una canzone di Fabrizio De André che, con ironia sferzante, riflette sulla deriva dei valori sociali. Il gruppo è composto da sei musicisti: Marco Pesenti (voce e chitarre), Alessandro Lampis (batteria e percussioni), Fernando Tovo (chitarre e cori), Luigi Suardi (tastiere, pianoforte e cori), Andrea Gustinetti (basso), Elisabetta Faucher (violino).

Il concerto, ad ingresso libero, si terra' domenica 6 settembre 2015 alle ore 21.00, presso il parco di Villa Zoja in via Liberta' 74 a Concorezzo.

deandre2.jpeg

*/ ?>

Cultura

deandre1.jpg

In Villa Zoja omaggio al grande Fabrizio De André

Concorezzo. L'Assessorato alla Cultura del comune di Concorezzo propone un concerto omaggio a Fabrizio de André realizzato dal gruppo degli Ottocento. Un concerto dedicato al cantautore genovese attraverso i brani più conosciuti e altri meno noti che avvicineranno il pubblico ai suoni e alle atmosfere racchiuse nei suoi album. Il gruppo degli Ottocento deve il suo nome a una canzone di Fabrizio De André che, con ironia sferzante, riflet

Reggia-Contemporanea-Villa-Reale-di-Monza-2023-copyright-Massimo-Listri_57-1920x1440 (1).jpg

È stato inaugurato mercoledì 7 dicembre il percorso espositivo permanente nelle sale della Villa Reale di Monza denominato Reggia Contemporanea.


Il progetto di riallestimento del Secondo Piano Nobile e di parte del Primo Piano Nobile del capolavoro architettonico di Giuseppe Piermarini è stato realizzato con l’installazione di oltre 100 opere dei maggiori artisti e designer italiani del periodo repubblicano, accanto ad arredi e dipinti d’epoca sabauda e asburgica.


Reggia Contemporanea nasce da quanto realizzato dal Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica con Quirinale Contemporaneo: un progetto in continua evoluzione, fortemente voluto dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ideato e realizzato ad opera del Segretario Generale Ugo Zampetti, curato dall’architetto Renata Cristina Mazzantini, che ha portato nei palazzi presidenziali opere di arte contemporanea e di design.


Il progetto monzese vede la luce grazie all’impulso del Sindaco e Presidente del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Paolo Pilotto, e all’impegno del Direttore Generale del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Giuseppe Distefano, sintesi di un percorso durante il quale ha operato per consolidare il prestigio della Villa Reale, accrescendone il fascino e l’attrattiva, in virtù di un programma culturale di grande valore.


L’itinerario all’interno della Reggia, disegnato spesso in accordo con gli artisti e con le fondazioni o gli archivi che li rappresentano, propone opere d’arte e di design astratta e figurativa, cinetica e concettuale, di maestri della creatività moderna e contemporanea, in dialogo con il gusto neoclassico di matrice asburgica e di quello floreale di gusto sabaudo.


All’inaugurazione sono intervenuti il Sindaco Pilotto, il Presidente di Assolombarda, Alessandro Spada, l’Assessora ai Servizi Civici e Generali del Comune di Milano, Gaia Romani, il Presidente della Provincia di Monza e della Brianza, Luca Santambrogio, il Sottosegretario di Stato del Ministero della Cultura, Lucia Borgonzoni, il Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l’Assessora al Marketing Territoriale di Regione Lombardia, Barbara Mazzali.


Reggia Contemporanea è visitabile il mercoledì, il giovedì e il venerdì dalle ore 10 alle 16 e il sabato, domenica e festivi dalle 10.30 alle 18.30. Il biglietto costa 10 euro (il ridotto 8 euro).

 

FOTO COPYRIGHT MASSIMO LISTRI

*/ ?>

Dalla Brianza

Reggia-Contemporanea-Villa-Reale-di-Monza-2023-copyright-Massimo-Listri_57-1920x1440 (1).jpg

Inaugurata a Monza la mostra permanente Reggia Contemporanea

È stato inaugurato mercoledì 7 dicembre il percorso espositivo permanente nelle sale della Villa Reale di Monza denominato Reggia Contemporanea. Il progetto di riallestimento del Secondo Piano Nobile e di parte del Primo Piano Nobile del capolavoro architettonico di Giuseppe Piermarini è stato realizzato con l’installazione di oltre 100 opere dei maggiori artisti e designer italiani del periodo repubblicano, accanto ad arredi e dipinti d

incendioformenti13.jpg

Concorezzo. Prima le fiamme, poi una colonna di fumo altissima. E un nugolo di chiamate al 115, tanto che, intorno alle 8, sono piombati i mezzi dei Vigili del fuoco di Vimercate, Monza e Lissone. Per fortuna nessun ferito: a bruciare era un cascinotto di campagna, in zona Campaccio, al confine con Vimercate. Le cause del rogo sono in fase di accertamento anche perché la Polizia locale, coordinata dal comandante Roberto Adamo, sta ancora cercando di contattare il proprietario, residente a Monza. Il rogo ha letteralmente inghiottito il casolare, cintato e immerso nei campi, e distrutto il materiale custodito all'interno, in prevalenza attrezzi da lavoro. Per domare le fiamme è stato necessario lavorare oltre un'ora: sul posto sono rimasti i pompieri di Monza, mentre i colleghi di Vimercate e Lissone sono rientrati nelle rispettive sedi. Foto di repertorio riferita all'incendio alla ex Formenti

*/ ?>

Cronaca

incendioformenti13.jpg

Incendio al Campaccio, a fuoco un cascinotto per gli attrezzi

Concorezzo. Prima le fiamme, poi una colonna di fumo altissima. E un nugolo di chiamate al 115, tanto che, intorno alle 8, sono piombati i mezzi dei Vigili del fuoco di Vimercate, Monza e Lissone. Per fortuna nessun ferito: a bruciare era un cascinotto di campagna, in zona Campaccio, al confine con Vimercate. Le cause del rogo sono in fase di accertamento anche perché la Polizia locale, coordinata dal comandante Roberto Adamo, sta ancora cerca

Concorezzo. Un giovane di 25 anni è stato ricoverato oggi in ospedale dopo essere caduto dal proprio monopattino. L'incidente si è verificato oggi, sabato, poco prima delle 19 in via Primo Maggio, nella zona industriale del paese. 

All'inizio le condizioni del giovane sembravano più serie ed è stata attivata un'ambulanza dell'Avps di Vimercate in codice giallo. I soccorritori del 118 hanno poi trasportato il ferito al Policlinico di Monza in codice verde. Le condizioni non erano preoccupanti. 

Monopattino-elettrico-1024x681-1-1200x675.jpeg

*/ ?>

Cronaca

Monopattino-elettrico-1024x681-1-1200x675.jpeg

Incidente in monopattino, ferito 25enne

Concorezzo. Un giovane di 25 anni è stato ricoverato oggi in ospedale dopo essere caduto dal proprio monopattino. L'incidente si è verificato oggi, sabato, poco prima delle 19 in via Primo Maggio, nella zona industriale del paese.  All'inizio le condizioni del giovane sembravano più serie ed è stata attivata un'ambulanza dell'Avps di Vimercate in codice giallo. I soccorritori del 118 hanno poi trasportato il ferito al Policlinico di Mon

hightech.jpgMonza. Ammonta a 24 miliardi di Euro la spesa per i processi di innovazione che affrontano le imprese italiane in un anno. Più della metà delle aziende con almeno 10 addetti è innovativa, in particolare quelle del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, dove il dato arriva rispettivamente al 58,5% e al 58%. Gli investimenti più importanti dal punto di vista economico si concentrano in Lombardia,dove la spesa per le attività innovative supera i 7 miliardi di Euro. Dopo la regione lombarda, le impese del Piemonte spendono ogni anno in innovazione oltre 3 miliardi di Euro. 

Complessivamente in Italia sono più di 246mila le imprese attive nei settori high-tech (+0,1% rispetto allo scorso anno), con una concentrazione maggiore in Lombardia dove si contano più di 54mila imprese high-tech. 

L’identikit dell’imprenditore innovativo Tra gli imprenditori innovativi il 10,2% ha meno di 35 anni, il 27,6% è donna, mentre si attesta al 4,4% la quota di soci stranieri all’interno di imprese attive nei settori tecnologici.  È quanto emerge da elaborazioni dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Istat e Registro imprese. 

“Innovazione e internazionalizzazione rappresentano due leve strategiche per la competitività delle imprese e al tempo stesso sono due sfide che viaggiano insieme: la prima sostiene la seconda, generando più opportunità di arrivare a nuovi mercati – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza - Conoscenza e innovazione sono del resto elementi determinanti sui quali le piccole e medie imprese devono puntare non solo per riuscire a sopravvivere ma soprattutto per dare valore aggiunto ai propri prodotti. Solo innovando i processi, le produzioni, i brand, le imprese potranno confrontarsi con diversi mercati a livello internazionale e giocare la carta vincente della combinazione di design, stile e qualità tipica del saper fare italiano”.

 

*/ ?>

Dalla Brianza

hightech.jpg

Innovazione, la Lombardia è la regione dove si investe di più

Monza. Ammonta a 24 miliardi di Euro la spesa per i processi di innovazione che affrontano le imprese italiane in un anno. Più della metà delle aziende con almeno 10 addetti è innovativa, in particolare quelle del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, dove il dato arriva rispettivamente al 58,5% e al 58%. Gli investimenti più importanti dal punto di vista economico si concentrano in Lombardia, dove la spesa per le attivi

speronamento.jpgConcorezzo. I militari della caserma di via Ozanam sono stati protagonisti di un pauroso inseguimento che ha assicurato alla giustizia due pericolosi rapinatori. I malviventi ieri hanno compiuto tre rapine e, una volta raggiunti dai carabinieri, hanno seminato il panico per Monza, cercando di dileguarsi. In zona parco, in via Boccaccio, l'incredibile arresto, con uno dei due criminali che ha sfidato le gelide acque del Lambro pur di sottrarsi alla giustizia. Ma invano. 

 

I colpi erano stati messi a segno, a partire dalle 15, a Lissone e Monza: prima hanno minacciato con una pistola un automobilista per impossessarsi della sua Fiat Tipo, nuovomodello. A Monza, brandendo alcuni coltelli, in viale Regina Margherita hanno poi rapinato una anziana di 84 anni. Infine in via Carlo Alberto hanno terrorizzato e derubato una anziana di 86 anni. 

L'inseguimento da parte dei carabinieri, a cui hanno partecipato anche i militari di Concorezzo, coordinati dal luogotenente Fulvio Carotenuto, ha toccato viale Cesare Battisti, via Dante e via Boccaccio, dove la fuga è finita con una collisione tra  l'auto dei fuggiaschi e una gazzella dell'Arma. 

Il rapinatore fuggito a piedi è stato arrestato dai carabinieri di Concorezzo. Quello che rischiava di annegare nel Lambro è stato prima salvato e poi ammanettato dai militari di Monza. Si tratta di un 35enne pluripregiudicato di Desio e di un 26enne napoletanpo. 

*/ ?>

Cronaca

speronamento.jpg

Inseguimento da brividi, carabinieri arrestano pericolosi rapinatori

Concorezzo. I militari della caserma di via Ozanam sono stati protagonisti di un pauroso inseguimento che ha assicurato alla giustizia due pericolosi rapinatori. I malviventi ieri hanno compiuto tre rapine e, una volta raggiunti dai carabinieri, hanno seminato il panico per Monza, cercando di dileguarsi. In zona parco, in via Boccaccio, l'incredibile arresto, con uno dei due criminali che ha sfidato le gelide acque del Lambro pur di sottrarsi all